Daily Archives: 14 Aprile 2017

DIRITTO INDUSTRIALE

DIRITTO INDUSTRIALE: Lo studio si occupa di fornire strumenti giuridici di protezione per ciò che concerne l’uso di beni produttivi, destinati ad essere utilizzati nell’ambito di un ciclo produttivo, la tutela dell’azienda e la sua gestione efficace, la salvaguardia dei beni prodotti e l’uso esclusivo delle idee che fanno parte della capacità produttiva imprenditoriale. In tal senso è al fianco di numerose imprese e Società che utilizzano o cedono licenze in esclusiva e cura i complessi rapporti di licensing a livello comunitario ed internazionale. 

Lo Studio, nel 2017, è stato insignito del Premio Internazionale Le Fonti quale Boutique d’eccellenza dell’anno per il Diritto industrialeper la competenza e abilità nel fornire strumenti giuridici di protezione per ciò che concerne l’uso di beni produttivi, la tutela dell’azienda e la sua gestione, la salvaguardia dei beni prodotti e l’uso esclusivo delle idee che fanno parte della capacità produttiva imprenditoriale. Per porre sempre gli interessi del cliente al centro del proprio operato“.

 

 

icone santi new 05

CONCORRENZA SLEALE E KNOW-HOW: Assai importante è l’esperienza ed il know how consolidato dallo Studio in termini di strategie difensive nella tutela avverso pratiche commerciali di imitazione servile, pedissequa e parassitaria nonché nel più vasto ambito della concorrenza.  

 

icone santi new 03

BREVETTI: gestione contrattualistica e affidamento del c.d. “file sorgente; tutela disegni tecnici gestione pubblicitaria del brevetto; protezione delle invenzioni, modello di utilita’, modello ornamentale. tutela dell’inventore nei confronti di terzi.

icone santi new 08

MARCHI DI FABBRICA: Tutela del diritto esclusivo sull’uso del segno distintivo depositato per contraddistinguere prodotti e/o servizi della propria azienda; Tutela in caso di conflitto per la registrazione tra due marchi identici o simili; Assistenza nella ricerca di anteriorità del marchio.

icone santi new 04

COPYRIGHT: tutela del diritto d’autore a livello internazionale.

icone santi new 02

TUTELA DEI DOMINI INTERNET: Il progresso tecnologico e la notevole giurisprudenza sviluppatasi nel nostro Paese a partire dagli ultimi anni in materia di tutela delle opere letterarie in genere richiede una tutela mirata anche dei segni distintivi di Internet e in particolare, dei “domain names”. Lo studio fornisce consulenze e assistenza – giudiziale e non – anche alla luce delle sentenze che hanno fatto “discutere” sulle problematiche riguardanti queste nuovissime discipline del diritto.

          • LA TUTELA CONTRO LA CONCORRENZA SLEALE
          • LA RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER
          • L’USO DEI SEGNI DISTINTIVI UGUALI O SIMILI
          • LA RESPONSABILITÀ DELLA REGISTRATION AUTHORITY
          • LA LEGGE APPLICABILE
          • IL SEQUESTRO DEL SITO INTERNET
          • L’ORDINE DI PUBBLICAZIONE
          • L’INSERIMENTO DI UN SEGNO DISTINTIVO ALTRUI ALL’INTERNO DI UNA PAGINA WEB
          • IL RISARCIMENTO DEI DANNI

 

 

dirittoscolastico

L’ANZIANITÀ DI SERVIZIO DEI DOCENTI PRECARI VA COMPUTATA DAL PRIMO CONTRATTO STIPULATO E NON SOLO DOPO IL SUPERAMENTO DEI 36 MESI DI CONTRATTI A TERMINE.

Con una decisiva e chiarificatrice pronuncia della Corte d’Appello di Palermo, è stato riconosciuto il diritto dei docenti precari di ottenere gli scatti di anzianità maturati durante il periodo di lavoro precario prestato sin dal primo contratto stipulato.

Il giudice di primo grado, infatti, aveva riconosciuto il diritto di progressione stipendiale, tuttavia affermando che le retribuzioni spettanti fossero corrisposte solo con riferimento all’ultimo contratto stipulato.

In accoglimento dell’appello promosso dagli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti, il Giudice di secondo grado – riformando totalmente la pronuncia del Tribunale – ha riconosciuto il diritto del ricorrente ad ottenere “le differenze retributive derivanti dalla progressione economica connessa all’anzianità di servizio maturata in relazione al CCNL tempo per tempo vigenti, considerati i contratti a termine di durata non inferiore a 180 giorni complessivi nell’arco di ciascun anno di servizio, oltre interessi dalla data di maturazione dei singoli ratei fino al soddisfo”.

Il Ministero, quindi, dovrà risarcire oltre € 10.000 al docente illegittimamente discriminato.

Studio Legale Avvocato Santi Delia