Archivio: News

dirittosanitario

TFA: vittoria in CDS sulla bocciatura all’orale.

Il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 2166/2015 ha riammesso al TFA un ricorrente, difeso dagli Avvocati Michele Bonetti, Santi Delia e Umberto Cantelli, che era stato bocciato alla prova orale e che si era visto sfumare ogni possibilità di abilitazione pur avendo superato brillantemente sia la prova preselettiva che la prova orale.

Un altro importante obiettivo raggiunto” commenta l’Avvocato Michele Bonetti “abbiamo portato alla luce le irregolarità del concorso per l’ammissione al TFA che, anche quest’anno è stato segnato da importanti vizi”.

Il Collegio, difatti, ha ritenuto i criteri di valutazione della prova non sufficienti a giustificare un esito negativo della stessa, asserendo che “tenuto conto della non comprensibilità, in difetto di dettagliati criteri di valutazione presupposti, del giudizio negativo sulla prova orale del candidato, espresso con voto numerico di poco inferiore alla soglia minima di ammissibilità, a fronte dell’alto punteggio complessivo riportato dall’odierno appellante in relazione ai restanti parametri valutativi […], l’appello cautelare unitamente all’istanza di primo grado merita accoglimento ai limitati fini della rinnovazione della prova orale del candidato”. Il candidato ha risostenuto la prova ed è stato ammesso.

Il difetto di dettagliati criteri ha fatto in modo che si ripresentasse lo stesso scenario già eccepito nei ricorsi per i TFA e i PAS degli anni passati, nonché nel concorso docenti del 2012 quando, nonostante il concorso nazionale, i criteri venivano determinati su base locale.

Ancora una volta, pertanto, i criteri di valutazione rappresentano l’oggetto di aspre contestazioni in quanto fonte di difformità nei giudizi. L’assenza di un criterio unitario ed oggettivo crea disparità di trattamento, accentuata di fronte ad una prova orale di per sé già caratterizzata da ampia discrezionalità della commissione, rendendo l’ammissione al TFA un’ardua aspirazione.

Questa ulteriore determinazione del Consiglio di Stato” riferisce l’Avvocato Michele Bonetti “deve essere un segnale importante per il Ministero che deve fissare dei criteri precisi ed oggettivi per non lasciare al caso ed alla discrezionalità di una manciata di commissari la vita professionale degli insegnanti”.

Vai alla rassegna stampa

Orizzonte scuola

professionisanitarie

Cade anche il muro dei test d’accesso in Professioni sanitarie a Tor Vergata

Il Consiglio di Stato, sezione VI, Presidente Dott. Giuseppe Severini, in data 10 giugno ha accolto un ricorso semi-collettivo presentato da alcuni studenti che aspiravano ad accedere al corso di laurea in Professioni Sanitarie di Tor Vergata per le varie opzioni (infermieristica, fisioterapia, radiologia). Un altro mattone dopo l’accoglimento del ricorso UDU su Catanzaro, SUN, Federico II e tanto altro.

Ancora una volta, dopo l’accoglimento del maxi ricorso UDU per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia, siamo riusciti ad estendere nostri principi anche ad altri corsi di laurea. Sempre avanti.

dirittoscolastico

Stabilizzazione dei Dirigenti scolastici

Carissimi,
Vi rimetto questo link 
inerente alla campagna da me effettuata per i precari della scuola al fine che possiate avere delle primissime informazioni in merito alla stabilizzazione per la vostra procedura.

A chi è rivolto.

A tutti coloro che pur essendo stabilizzati come insegnanti svolgono da numerosi anni, a seguito di contratti a tempo determinato rinnovati da oltre 36 mesi, le mansioni di dirigente scolastico con l’amministrazione e pertanto possono presentare ricorso al Giudice del Lavoro.

Obiettivo del ricorso.

Data la tipologia del ricorso, verrà sottoposta ai giudici l’intera questione lavorativa al fine di richiedere un equo risarcimento del danno subito per via dello sfruttamento e delle ingiuste discriminazioni e abusi da anni perpetrati nei Vs. confronti nonché la richiesta degli scatti di anzianità e il risarcimento per l’apposizione del termine.

Alla luce della sentenza della Corte di Giustizia europea e di una interpretazione rivolta ad altri settori oggi si può chiedere la stabilizzazione per l’abuso dei contratti a tempo determinato.

Prima di adire il Tribunale Ordinario, in veste del Giudice del Lavoro, dovrete impugnare tutti i contratti intervenuti con l’università mediante raccomandata a.r. entro il termine di 120 giorni dall’ultima scadenza e nei successivi 180 giorni depositare il ricorso innanzi la competente sede giurisdizionale.

Continue reading Stabilizzazione dei Dirigenti scolastici

dirittosanitario

Rimborso iscrizione agli albi. Parte l’azione a difesa di Medici, infermieri, avvocati, ingegneri, architetti e geometri degli enti pubblici.

I dipendenti pubblici non devono pagare l’iscrizione al proprio albo professionale ove svolgano la loro attività in via esclusiva a favore del proprio ente.

Medici, infermieri, avvocati, ingegneri, architetti – così come le altre categorie di professioni regolamentate che lavorano in esclusiva per enti pubblici – possono ora agire per far valere il principio recentemente ribadito dalla Cassazione ed ottenere il rimborso di quanto pagato ai rispettivi Albi o Registri.

Appare superato, pertanto, il datato parere della Corte dei Conti secondo cui la tassa di iscrizione era da ritenersi un obbligo personale del dipendente legato ai requisiti professionali necessari a svolgere il rapporto con l’Ente.

Sono aperte le adesioni per tutti i lavoratori in regime di lavoro esclusivo per ottenere il rimborso di quanto sin’ora pagato e per interrompere i successivi pagamenti futuri.

 

Per aderire scaricare la documentazione allegata e seguite le istruzioni ivi indicate.

 

1200borse

Riunioni con gli specializzandi e i medici interessati al corso di Medicina generale in Sicilia

Carissimi,

a seguito dei primi accoglimenti sulle SSM in Consiglio di Stato e di quelli più datati sui MMG, stante la delicatezza della questione e di tutti gli interessi coinvolti, siete tutti convocati per una serie di riunioni urgenti per il pomeriggio del 16 giugno 2015 dalle 16 alle 21 (nella speranza di venire incontro alle esigenze anche di chi lavora nel pomeriggio).
Tutti i ricorrenti, anche quelli già ammessi in precedenza, sono tenuti a partecipare trattandosi di temi comuni.
Dovete chiamare lo studio di Messina, per scegliere la Vostra fascia di riunione (ad esempio ore 16 oppure ore 17, etc…) così da formare gruppi da max 20-25 partecipanti.
A presto

1200borse

Concorso specializzazioni: svolta al Consiglio di Stato. Le Faq per capire cosa succederà.

Il Consiglio di Stato, sez. VI giurisdizionale, a seguito dell’udienza del 4 giugno 2015, ha oggi pubblicato le ordinanze 2462, 2441, 2464, 2463, 2461 del 5 giugno 2015 che consentono l’ingresso sovrannumerario negli ospedali e nei reparti di una prima decina di medici giovani che avevano presentato il ricorso promosso dalla Fp Cgil Medici, con il patrocinio degli avvocati Michele Bonetti, Santi Delia e Umberto Cantelli, avverso le gravi irregolarità del noto concorso delle specializzazioni mediche, dove avevano invertito le prove dei test ed in cui il Ministro Giannini aveva inizialmente annullato il concorso, salvo poi tornare indietro sui suoi passi.

“È una vittoria di enorme significato non solo giuridico”, a parlare sono gli avvocati. Michele Bonetti e Santi Delia. “Il Consiglio di Stato, dopo la vicenda della mancata immatricolazione dei c.d. 300 Spartani, per volontà del Miur di riportare la causa dinanzi al Tar, ha avanzato un’innovativa presa di posizione per risolvere la questione: l’ingresso sovrannumerario dei medici ricorrenti, di cui vi è carenza nei reparti, ma senza la corresponsione di borse di studio e permettendo loro di andare nella scuola e nel reparto ambito. Al Consiglio di Stato va il merito ed il coraggio di avanzare una soluzione lungimirante che consentirà al nostro Stato di non perdere i migliori cervelli una volta formatisi.”

“Un importante risultato ma la battaglia per il diritto alla formazione dei medici non si fermerà”, afferma  il segretario nazionale della Fp Cgil Medici, Massimo Cozza, cha aggiunge: “Noi riteniamo che ci sia la disponibilità  di risorse e proseguiremo nel futuro per allargare sempre di più il numero di borse. C’è bisogno di non disperdere il patrimonio di medici laureati in Italia e di garantire il numero appropriato di specialisti, il Miur assuma questa come una priorità: le borse messe a bando sono insufficienti, servono più risorse”.

Continue reading Concorso specializzazioni: svolta al Consiglio di Stato. Le Faq per capire cosa succederà.

dirittoamministrativo

Accompagnatori turistici: vittoria al T.A.R. Palermo. La Regione sicilia condannata alle spese.

L’Assessorato regionale al turismo aveva dichiarato che tutti i titoli rilasciati all’esito dei corsi professionali dallo stesso finanziati non sarebbero titoli professionali idonei al rilascio del patentino.

Numerosi aspiranti accompagnatori, tuttavia, non ci stanno e agiscono innanzi al T.A.R. affidandosi agli Studi degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti.

Il T.A.R. Palermo con la sentenza 1284/2015 ha riconosciuto il diritto di chi è in possesso di un titolo professionale, rilasciato a fronte di un corso finanziato dalla regione, ad essere iscritto all’albo degli accompagnatori turistici.

Non c’è stato spazio per dubbi o perplessità. Il dispositivo parla chiaro: “la regula iuris contenuta nell’art. 4 cit. è particolarmente ampia e che pertanto i corsi di formazione professionale finanziati dalla stessa Regione siciliana ex L.r. n. 24/1976, non possono – anche per ragioni di palese coerenza del sistema normativo ed amministrativo regionale – non ritenersi validi anche ai fini dell’iscrizione all’Albo regionale degli accompagnatori turistici”.

Oggi quindi, la professione comincia ad avere una disciplina più cristallina e gli operatori di un settore importate come quello del turismo, possono far fruttare quanto era stato loro ingiustamente negato.

Se anche Tu hai un titolo rilasciato dalla Regione e vuoi ottenere l’iscrizione all’albo scrivi a santi.delia@avvocatosantidelia.it o contatta lo studio di Messina ai numeri 0906412910 – 0906406782 ed esponi il Tuo caso al nostro esperto

Caso Cineca: che sorte avrà il nuovo concorso per le specializzazioni?

Dopo la decisione del Consiglio di Stato del 26 maggio 2015, ha avuto grosso clamore nazionale il caso dei rapporti tra MIUR, Atenei e Cineca.

Di tale vicenda, stante l’esistenza di un parere del Consiglio di Stato del gennaio 2015 all’esito della lunga istruttoria richiesta dalla Sezione consultiva ed iniziata nel 2013, mi sono occupato, su mandato della Casa editrice giuridica CEDAM, nell’ambito del contributo sull’in house providing al Commentario del codice dei contratti pubblici in corso di pubblicazione.

Qui di seguito potete leggere un primo focus sulla vicenda.

MIUR, Università e Cineca: il nuovo modello dell’in house providing passa dai rapporti tra questi 3 soggetti, in La Voce del Diritto, giugno 2015

Tanti giovani medici, interessati al concorso per l’accesso alle specializzazioni calendarizzato per il 28-31 luglio 2015, ci chiedono se questo terremoto può mettere in discussione il concorso. Ecco cosa potrebbe accadere.

Continue reading Caso Cineca: che sorte avrà il nuovo concorso per le specializzazioni?

magistratura

Pensioni: anche se si è incassato di più è diritto del pensionato trattenere l’indebito. Vittoria alla Corte dei Conti.

La Corte dei Conti della Regione Siciliana ha dichiarato l’illegittimità della procedura adottata dall’Inps volta ad ottenere la restituzione di quanto già pagato a titolo di pensione.

Avviene spessissimo che i tempi per la liquidazione definitiva delle pensioni siano caratterizzati da anni, addirittura decenni, per il completamento dei calcoli da parte del datore di lavoro e dell’INPS stesso. Frattanto ai pensionati viene corrisposto un trattamento provvisorio che, altrettanto soventemente, non corrisponde a quello definitivo.

Non è affatto raro, inoltre, che persino quando il trattamento è definitivo seguano ulteriori rettifiche.

Ebbene se nulla questio nell’ipotesi in cui il trattamento provvisorio o definitivo corrisposto per molti anni è inferiore a quello (davvero) definitivo, giacchè sarà l’Ente previdenziale a restituire, con gli accessori del credito, quanto dovuto al pensionato, il problema giuridico si pone nell’ipotesi in cui al pensionato sia richiesta la restituzione di migliaia, anche centinaia di migliaia di euro, dopo averli già incassati e probabilmente spesi.

Secondo la Corte dei Conti della Regione Siciliana, in accoglimento della tesi spiegata in ricorso dall’Avvocato Santi Delia, il pensionato non è tenuto a restituire alcunchè giacchè “lo spirare di termini regolamentari di settore per l’adozione del provvedimento pensionistico definitivo non priva, ex se, l’amministrazione del diritto-dovere di procedere al recupero delle somme indebitamente erogate a titolo provvisorio; sussiste, peraltro, un principio di affidamento del percettore in buona fede dell’indebito che matura e si consolida nel tempo, opponibile dall’interessato in sede amministrativa e giudiziaria. Tale principio va individuato attraverso una serie di elementi quali il decorso del tempo, valutato anche con riferimento agli stessi termini procedimentali, e comunque al termine di tre anni ricavabile da norme riguardanti altre fattispecie pensionistiche, la rilevabilità in concreto, secondo l’ordinaria diligenza, dell’errore riferito alla maggior somma erogata sul rateo di pensione, le ragioni che hanno giustificato la modifica del trattamento provvisorio e il momento di conoscenza, da parte dell’amministrazione, di ogni altro elemento necessario per la liquidazione del trattamento definitivo

Corte dei Conti Sicilia, G.U. Dott.ssa Micci, 25 maggio 2015, (n. 61307, cont.)

dirittoscolastico

Arriva il sigillo del Consiglio di Stato sui ricorsi avverso il concorso docenti 2012

E’ di queste ore la sentenza del Consiglio di Stato sul ricorso di un gruppo di docenti che nel 2012 aveva preso parte al concorso con iniziale riserva che gravava sui ricorrenti che avevano potuto partecipare alle prove concorsuali grazie ad un provvedimento cautelare. Il nocciolo del ricorso, presentato in prima istanza al TAR di Trento, gravitava in particolare sull’impossibilità di parte ricorrente di partecipare alla procedura selettiva in quanto in possesso di titolo conseguito dopo l’anno accademico 2001/2002.

Ora” riferiscono i legali Michele Bonetti e Santi Delia che hanno patrocinato il ricorso “ai nostri ricorrenti è riconosciuto il giusto e l’effettivo inserimento nelle graduatorie di un concorso a cui hanno partecipato sub iudice ma che hanno affrontato superando tutte le prove grazie alle loro sole forze”.

Continue reading Arriva il sigillo del Consiglio di Stato sui ricorsi avverso il concorso docenti 2012

Studio Legale Avvocato Santi Delia