Ultimi giorni per aderire al ricorso straordinario: ecco tutte le tipologie di ricorso e perchè possiamo vincere

Categorie: News

                                                 

Il Corriere della Sera con un approfondita inchiesta ha spiegato perchè abbiamo vinto al T.A.R. Lazio e quanto lavoro c’è dietro le ultime 2.000 ammissioni.

Chi non ha aderito al ricorso al T.A.R. può ancora, entro il 14 agosto 2014 aderire al ricorso straordinario per ottenere l’ammissione a Medicina e Odontoiatria.

Si può aderire ad un ricorso collettivo il cui costo è pari a € 500,00 oltre IVA e CPA e a dei ricorsi individualizzati con costi differenti a seconda della sede e del punteggio ma che comunque non superano mai la quota del ricorso al T.A.R.

In tanti, in questi giorni, chiedendoci di aderire, ci chiedono perchè abbiamo vinto al T.A.R. Lazio.

La notizia è apparsa sulle prime pagine di tutti i maggiori quotidiani nazionali e Repubblica ha parlato di “uno schiaffo alle facoltà di Medicina di mezza Italia e al numero chiuso“. Si è scritto, in particolare, che, per quanto ben motivate, si tratta di “mere” ordinanze cautelari che potrebbero essere ribaltate in sede di merito.

Ciò che non è noto ai più, tuttavia, è che nello stesso giorno (18 luglio 2014) e già qualche settimana prima (24 giugno 2014), della pronuncia delle ordinanze cautelari la Sezione del T.A.R. Lazio depositava, in fattispecie identica, una lunga, approfondita e dettagliata sentenza di merito con la quale, in accoglimento di uno dei nostri ricorsi, veniva decretata l’illegittimità del concorso dell’anno 2012/2013 per violazione dell’anonimato.

La sentenza. Così come chiarito in sentenza “a ciascuno dei candidati è stato assegnato un diverso e specifico codice a barre, riprodotto sulla scheda anagrafica e sul questionario somministrato a ciascuno di essi. Tale modus procedendi ha, a parere del Collegio, violato il principio dell’anonimato che deve presiedere allo svolgimento delle prove selettive, così come ai concorsi a pubblici impieghi. Essa, infatti, consentiva -anche in astratto- che dal codice a barre specifico e personale di ciascuno dei candidati, segnato sulla scheda anagrafica del medesimo, si potesse risalire al questionario del medesimo candidato, che riportava tale codice a barre.
Tanto basta a determinare l’illegittimità dei provvedimenti che predisponevano siffatta modalità di svolgimento delle prove, nonchè degli atti conseguenti, e ciò anche a prescindere dalla concreta dimostrazione che, in effetti, ciò abbia condotto alle possibili distorsioni segnalate in ricorso“.

Le reazioni dell’UDU. L’Unione degli Universitari annuncia un ulteriore accoglimento presso il TAR romano sezione III presieduta dal Consigliere Dott. Franco Bianchi, come estensore il Dott. Achille Sinatra, per quanto concerne la graduatoria nazionale di Medicina e Chirurgia 2012/2013. La questione concerne la violazione dell’anonimato, ovvero la violazione del principio della segretezza nei concorsi pubblici italiani, da parte del Ministero e delle Università, come Palermo, e tutti gli altri atenei italiani. Una vittoria condotta dagli avvcati Michele Bonetti, Santi Delia e Alessandra Faldetta che ha poi spianato la strada ai recenti accoglimenti del Tar Lazio.

Poco dopo il deposito della prima delle due sentenze, non a caso, si dichiarò: “E’ un accoglimento epocale” riferì Michele Bonetti, l’Avvocato dell’UdU alle cui parole si associa l’Avv. Santi Delia, “mai sino ad oggi il TAR del Lazio aveva accolto un ricorso sul vizio dell’anonimato in maniera così netta. Pur se trattasi di accoglimenti che riguardano gli anni precedenti siamo ad un giro di boa, e la questione riguarda centinaia e centinaia di studenti che potranno avere la possibilità di giocarsi le loro carte sul campo”.

Quel giro di boa è arrivato con i 2000 accoglimenti.

Come aderire al ricorso straordinario

Cliccando su questo link potrete scaricare tutta la modulistica necessaria per aderire ai ricorsi individualizzati e collettivi. La modulistica è identica, la tipologia di ricorso verrà scelta al momento dell’adesione.

Vai alla sentenza

Vai alle ordinanze del TAR Lazio

 

Studio Legale Avvocato Santi Delia