Precariato scuola: Miur condannato a ricostruire carriera, risarcimento danni e spese legali.

dirittoscolastico
Categories: News

Il Miur, che si era difeso eccependo ad un insegnante precario persino la temerarietà della lite, perde su tutti i fronti e viene condannato alla risarcimento del danno pari a 6 mensilità, alla ricostruzione completa di carriera e alle spese di giudizio.

Un’ altra vittoria per gli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti in tema di equiparazione tra docenti a tempo determinato e a tempo indeterminato.
Il Tribunale di Reggio Emilia, oltre al risarcimento del danno per abuso dei contratti di supplenza a termine, ha riconosciuto il diritto del ricorrente al risarcimento del danno e al riconoscimento della progressione stipendiale, parificando – di fatto – gli insegnanti con contratto a tempo determinato a quelli di ruolo.
“La mancanza di <> idonee a giustificare l’esaminata disparità di trattamento ricorre soltatno quando il docente a tempo determinato abbia operato in ragione di più contratti a termine susseguitisi senza rilevante soluzione di continuità, e di durata almeno annuale o comunque tale da coprire pressochè integralmente ciascun anno scolasto”
Sostanzialmente, quindi le prestazioni lavorative, la maturazione dell’esperienza professionale e la natura delle prestazioni rese dall’insegnante supplente, non differiscono affatto da quelle del personale docente di ruolo.