Corriere.it: Aspiranti medici specializzandi: dal Consiglio di Stato nuovo schiaffo al MIUR

Categorie: News

Roma, 23 giugno 2015 – Il Consiglio di Stato con l’Ordinanza 2668 del 17 Giugno 2015 della Sezione Sesta ha respinto l’appello del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca contro il Tar Lazio sugli specializzandi e lo ha condannato al pagamento delle spese del processo. Gli specializzandi ammessi nei mesi precedenti nei reparti delle Università di Palermo, Messina, Milano, Pavia e Siena possono continuare il loro percorso formativo. A darne notizia sono gli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, patrocinatori del ricorso al T.A.R. Lazio promosso dalla Funzione Pubblica Cgil Medici. “A seguito di un errore nella stesura delle regole concorsuali, relative alle graduatorie del concorso per diventare medici specializzandi, a causa dell’omessa graduazione tra le varie scuole di specializzazione indicate, dottori che avevano un punteggio utile per l’ingresso si sono ritrovati in una scuola da loro non ambita, pur avendo punteggi superiori agli altri. In questo modo, ad esempio, persone che avevano di fatto vinto il concorso e che volevano fare i cardiologi, per un errore del bando, si sono trovate a diventare degli otorini”, affermano gli avvocati Delia e Bonetti. Secondo Massimo Cozza, segretario nazionale della Fp Cgil Medici, “ancora una volta abbiamo assistito ad un vero e proprio accanimento politico-giudiziario nei confronti di questi medici giovani che avevano vinto con sentenza del Tar del Lazio, che ad oggi ha accolto solo queste particolari ipotesi. Ma il Miur, guidato dal Ministro Giannini, ha perso anche al Consiglio di Stato ed è stato anche condannato al pagamento delle spese processuali. La nostra battaglia per il diritto alla formazione specialistica dei medici continua”, conclude Cozza.

 

 

Rassegna stampa

Corriere.it

Sole 24 ore

Quotidiano sanità

Studenti

Uninews24

 

Studio Legale Avvocato Santi Delia