Daily Archives: 22 Novembre 2015

dirittoscolastico

La forza di cambiare idea: la vicenda del diploma magistrale e il melius re perpensa del Tribunale di Siena

In sede cautelare il Tribunale di Siena non aveva neanche convocato le parti, fissando un’udienza. Unico caso in Italia. In pieno agosto, qualche giorno dopo la pausa (di 24 ore) di ferragosto, ricordo di aver ricevuto una pec dal Tribunale di Siena nell’androne del mio studio di Messina. Era prestissimo ed i miei collaboratori non erano ancora arrivati. Impaziente di leggerla decisi di prendere un caffè al solito bar e così, dopo aver aperto il cancello dell’androne, tornai indietro e cominciai a leggere già camminando. Rigetto. Il Giudice di Siena Delio Cammarosano aveva rigettato la nostra domanda cautelare senza neanche fissare l’udienza: con decreto.

I miei ragazzi, dopo qualche minuto, arrivarano alla spicciolata e dopo avermi chiesto se si fosse rotta la nostra amata Nespresso si affiancarono alla lettura: una quindicina di pagine o giù di li. I diplomati magistrale non avevano più possibilità di essere ammessi in GAE, avevano perso il loro ultimo “treno” nel 2007 e oggi è troppo tardi per lagnarsi. La motivazione rispecchiava il leit motiv di altri Tribunali (Bologna in testa), ma il modo con cui la questione veniva liquidata era preoccupante: i diplomati magistrale non avevano neanche diritto ad un’udienza, bastava un decreto di rigetto inviato via pec. Quando arrivò l’Avvocato Rosario Cannata erano già le nove e prima di disquire del rigetto a mezzo decreto e senza neanche udienza della nostra domanda cautelare ordinò una granita che poi neanche mangiò per intero. Mentre i più giovani (Roberto, Giovanni, Alberto, Mariachiara, Albertino e gli stagisti del Summer Law Camp), sbraitavano circa l’inesistenza di una simile possibilità secondo quanto avevano appena finito di studiare all’Università, io, d’impulso, chiamai il Tribunale di Siena. Volevo parlare con il Giudice per chiedere spiegazioni. Non ci riuscii, pur lasciando un messaggio ad una cancelliera che mi chiese perchè non fossi alle Isole Eolie o a Taormina come tutti i messinesi.

La settimana passata, sempre a Siena, arrivò l’udienza di merito; quella che, per legge, doveva essere celebrato e nessun decreto poteva cancellare. Abbiamo depositato una trentina di pagine di memoria spiegando perchè, a nostro modo di vedere, quel decreto era sbagliato. La nostra domiciliataria, scrivendoci dell’esito della discussione, ci chiarì che il Giudice aveva letto la nostra memoria e che avrebbe voluto riflettere valutando tutti i nuovi argomenti portati a supporto e volti a sconfessare la sua posizione di agosto. Anche per questo si rinviò di 10 giorni. Ieri (21 novembre) la sentenza: definitiva e conclusiva del primo grado. Accoglie. Ha cambiato idea rivalutando e rimeditando sotto una nuova luce l’intera vicenda.

Ecco perchè.

Continue reading La forza di cambiare idea: la vicenda del diploma magistrale e il melius re perpensa del Tribunale di Siena

Studio Legale Avvocato Santi Delia