CNR- VITTORIA AL TAR LAZIO SULLA STABILIZZAZIONE

Categories: News

Il T.A.R. Lazio ha accolto la tesi dell’Avvocato Santi Delia, name founder di Bonetti & Delia, secondo cui il servizio di ricerca negli Istituti privati è utile al computo degli anni di stabilizzazione. Secondo i giudici capitolini, nell’ambito della ricerca, il servizio all’estero “è strumento fondamentale di rafforzamento delle conoscenze scientifiche e di sviluppo professionale in tutte le fasi della carriera di un ricercatore”.

Sotto la lente di ingrandimento del TAR Lazio, vi sono le vicende di decine di ricercatori esclusi dalle procedure di stabilizzazione (di cui ai commi 1 e 2 del Decreto Madia) bandite dal CNR che ha escluso il servizio speso dagli stessi presso enti di ricerca privati nonostante, spese volte, tali servizi venivano svolti in partnership con lo stesso CNR. Il T.A.R., con la sentenza di merito del settembre 2021, nonostante taluni precedenti di segno opposto del Consiglio di Stato, ha chiarito definitivamente che “l’attività di ricerca ha “connotazione essenzialmente oggettiva e trasversale, così da essere insensibile alla natura giuridica del soggetto a favore del quale essa viene svolta; la stessa è poi caratterizzata, oltre che per l’essenziale funzione di accrescere il patrimonio delle conoscenze raggiunte in un determinato ambito disciplinare, anche per l’utilizzo di un metodo condiviso dalla comunità dei ricercatori, con conseguente assoluta ininfluenza di peculiari caratteristiche dei soggetti che promuovono e organizzano detta attività”.

Come sostenuto in ricorso da Bonetti e Delia, difatti, la locuzione – riportata nella lex specialis della procedura – “altri enti ed istituzioni di ricerca”, mira a considerare tutte le attività di ricerca in modo uniforme, e, dunque focalizzarsi sulla natura stessa dell’attività, e non su quella del soggetto presso il quale esse sono state svolte, ma all’unica condizione che le attività in questione siano effettivamente qualificabili come “ricerca”.

Il CNR, dunque, ha fatto errata interpretazione di quanto disposto dalla “Carta europea dei ricercatori”, nella misura in cui, non considerando tali servizi, non riconosce valore alla “mobilità tra il settore pubblico e privato, come strumento fondamentale di rafforzamento delle conoscenze scientifiche e di sviluppo professionale in tutte le fasi della carriera di un ricercatore”.

“Auspico”, conclude l’Avvocato Santi Delia, “che il percorso di stabilizzazione, specie in settori di primaria importanza per il nostro Paese, essendo un tema di portata nazionale atteso da migliaia di lavoratori e dalle stesse Amministrazioni che, anche per lo spessore degli argomenti esposti, possa registrare un’impennata positiva a tutto vantaggio di quanti abbiano investito nel proprio percorso di crescita personale e professionale. La pronuncia di oggi è certamente importante, tanto per i nostri assistiti che vedono riconosciuti anni di lavoro unito alla volontà di accrescere la propria formazione, oltre ad essere motivo di grande orgoglio per il nostro studio che, ancora una volta, a livello nazionale, conferma la propria presenza nell’ambito del pubblico impiego e dei concorsi pubblici offrendo ai giudicanti temi di riflessioni spesso condivisi”.

Rassegna stampa

Legalcommunity

Global Legal Chronicle