All posts by Avvocato Santi Delia

ACCESSO A VETERINARIA: TAR LAZIO ANNULLA DECRETO MINISTERIALE PROGRAMMAZIONE. ILLEGITTIMA LA RIDUZIONE DEI POSTI NONOSTANTE LA MAGGIORE CAPACITA’ DEGLI ATENEI

Per noi è una delle battaglie più sentite. Abbattere il numero chiuso a Veterinaria che, sulla base di logiche totalmente distanti dalle effettive possibilità di studio che possono offrire gli Atenei, nega da un decennio a migliaia di studenti di scegliere la propria via. Una situazione simile a quella che

DIRITTO D’ACCESSO E APPALTI PUBBLICI: TAR LAZIO, NO ALL’OSTENSIONE DEI DOCUMENTI DA CUI EMERGONO DATI CHE POSSONO OSTACOLARE IL “LIBERO GIOCO DELLA CONCORRENZA”.

Si tratta di un tema, questo del diritto d’accesso nell’ambito dei pubblici appalti, che da tempo impegna dottrina e giurisprudenza nella ricerca di un corretto equilibrio tra diritto alla riservatezza dei propri know how industriali ed organizzativi e possibilità di difesa giudiziale. Da un lato il “diritto d’accesso agli atti”

I DIRIGENTI SCOLASTICI VINCONO AL CONSIGLIO DI STATO. LA SENTENZA.

È stata pubblicata oggi, 13 ottobre 2020, la sentenza che segna la chiusura dell’annoso contenzioso incardinato dinanzi al G.A. nell’ambito del concorso per il reclutamento dei Dirigenti Scolastici, e che rigetta definitivamente l’appello del Ministero. La questione traeva origine dall’illegittima esclusione di alcuni candidati dalla graduatoria di merito del concorso a Dirigenti

MEDICI ASSISTENZA PRIMARIA: TAR PALERMO DICHIARA ILLEGITTIMITA’ DEI CRITERI DI SELEZIONE SUL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI SU TUTTO IL TERRITORIO REGIONALE.

Dal Tar Palermo (Pres. Ferlisi, est. Zafarana) arriva l’ordinanza cautelare che in accoglimento alle censure mosse in ricorso dell’Avvocato Santi Delia (founder di Bonetti & Delia Studio Legale), ha sospeso la procedura di mobilità riservata ai medici di assistenza primaria con riferimento agli “ambiti carenti di assistenza Primaria anno 2020”.

SPRECO DI SOLDI PUBBLICI? LA PARTECIPATA APPALTA ALL’ESTERNO LA SICUREZZA AZIENDALE. DAL TRIBUNALE DI MESSINA ARRIVA LA CONDANNA.

Il Tribunale di Messina Sezione Lavoro, con ordinanze del 23 Luglio 2020, ha dichiarato illegittimi gli atti di concorso “nella parte in cui la Commissione esaminatrice ha escluso il ricorrente per mancanza del requisito dell’inquadramento e la conseguente esclusione” e “ordina alla società resistente di procedere all’affidamento dell’incarico nei suoi