Il Consiglio di Stato accoglie i ricorsi dell’Avv. Santi Delia: la prova di concorso a Messina è stata viziata per 10 anni. I ricorrenti sono tutti ammessi

Categories: News

La notizia è sensazionale. La vittoria epocale, una pietra miliare nella battaglia per il diritto di studiare.

Tutti i concorsi per l’ammissione al Corso di Laurea in Medicina e Chirugia presso l’Ateneo di Messina che, secondo confessione resa innanzi al T.A.R. Catania dal Presidente della stessa Commissione di concorso sono stati gestiti con le stesse modalità, sono illegittimi.

Tutti i ricorrenti sono ammessi in sovrannumero senza alcun pregiudizio per gli altri studenti.

A dirlo non è un’associazione studentesca o qualche studente escluso. Non è neanche il T.A.R. Catania. La decisione DEFINITIVA e NON APPELLABILE è, invece, del Supremo organo di giustizia amministrativa: il Consiglio di Stato con sede in Roma.

Secondo i Giudici della Sezione consultiva del Consiglio di Stato “appare particolarmente fondata la censura di violazione del principio dell’anonimato delle prove da correggere. A questo riguardo occorre rilevare che la Commissione ha fatto annotare, accanto al nome di ciascun candidato il numero di codice CINECA riservato, numero la cui funzione è quella di consentire l’abbinamento della scheda anagrafica con la prova e che compare sulla finestra esistente nella busta. Onde sin dall’inizio della prova il codice del plico consegnato poteva essere associato al nome del candidato. Inoltre, alla fine della prova la consegna dei plichi e il loro posizionamento nella scatola sono avvenuti seguendo l’ordine alfabetico dei nomi dei singoli candidati, con conseguente possibilità di rintracciare con sicurezza la prova consegnata da ciascun candidato.

E’ evidente come le suddette operazioni compiute dalla Commissione abbiano rischiato di porre nel nulla tutti gli accorgimenti previsti dal legislatore al fine di assicurare che la correzione degli elaborati avvenisse nel più stretto anonimato e seguendo la par condicio dei ricorrenti e l’imparzialità dell’Amministrazione, consentendo a chiunque ne avesse interesse di associare una determinata busta al nome del candidato. Né il sistema del ritiro delle buste trova giustificazione alcuna nelle finalità fissate per il concorso di ammissione”.

A differenza di quanto sostenuto dal T.A.R. Catania (che comunque aveva trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica ed evidenziato “che tale anomala modalità di distribuzione dei plichi ai candidati, non giustificata da alcuna valida ragione coerente con le finalità di trasparenza delle procedure concorsuali è sintomatica di un non corretto svolgimento della procedura concorsuale” ed accolto il ricorso per altri motivi) qualche settimana fa, quindi, tale vizio è da solo decisivo a fare ottenere l’ammissione ai ricorrenti.

Infondate sono state ritentute le controdeduzioni dell’Ateneo. “Né assume pregio la controdeduzione, per la quale le prove sarebbero state corrette dal CINECA e non dalla Commissione. La regola dell’anonimato nelle procedure concorsuali “assume una cogenza ancor più marcata, perché deve essere comunque assicurata l’indipendenza di giudizio dell’organo valutatore” (Cons. Stato, Sez. V, 2 marzo 2000, n. 1071), onde non occorre accertare se il riconoscimento della prova di un candidato si sia effettivamente determinato, essendo sufficiente la mera, astratta possibilità dell’avverarsi di una tale evenienza“.

Se possibile ancora più importante è la conseguenza di tale decisione.

Il Consiglio di Stato, infatti, accogliendo la tesi espressamente sostenuta dall’Avv. Santi Delia, non ha annullato l’intero concorso ma solo il diniego di ammissione rivolto ai ricorrenti che quindi, oggi, grazie a tale epocale decisione, possono studiare Medicina.

“Sotto questo profilo, dunque, il ricorso è fondato e la graduatoria impugnata deve essere annullata nella parte in cui ha escluso i ricorrenti dall’ammissione all’immatricolazione nella Facoltà di Medicina e Chirurgia (…) L’accoglimento del suddetto motivo di ricorso esime dall’esame degli altri motivi, all’accoglimento dei quali i ricorrenti avrebbero perduto ogni interesse“.

Tra qualche settimanda il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano firmerà il DECRETO che, sulla base di tale decisione, consentirà a decine di ricorrenti di coronare il sogno di una vita.

Consiglio di Stato, Sez. II, parere 6 ottobre 2011, n. 3672

Vai alla rassegna stampa

Corriere della Sera – Nazionale edizione del 16 ottobre 2011

Centonove

Gazzetta del Sud edizione del 15 ottobre 2011

Gazzetta del Sud edizione del 16 ottobre 2011

Corriere del Mezzogiorno

Corriere di Sicilia edizione del 15 ottobre 2011

Giornale di Sicilia edizione del 15 ottobre 2011

Giornale di Sicilia edizione del 18 ottobre 2011

La Sicilia edizione del 18 ottobre 2011

Medpress (articolo integrale del settimanale Centonove)

Tempostretto

Normanno

La Siciliaweb

Controcampus

Quotidiano di Sicilia

Università.it

AGENPARL

ANSA

Il Ciclope.info

TV

Rai 3 edizione delle 14.00 del 15 ottobre 2011 (servizio di apertura del TG)

Rai 3 edizione delle 19.30 del 15 ottobre 2011 (servizio al centro dell’edizione). Il Rettore  annuncia provvedimenti disciplinare per chi ha gestito in tal modo le prove di concorso.

Sky – Justice Tv sommario del Tg

Sky – Justice Tv Servizio completo (vai al minuto n. 16.47)

Telecolor (il servizio è al centro dell’edizione)

TCF edizione del 15 ottobre 2011

Tele90

Radio

Messina Radiostreet

Riviste giuridiche

Justice Tv (bouquet sky canale 586) Informazione giuridica indipendente

Weblog di informazione giuridica freeware e condivisa

Concorsi pubblici