Una grande nuova vittoria: i quesiti somministrati nel 2009 erano errati. Ammessi tutti i ricorrenti.

Categories: News

Un’altra nuova ed epocale vittoria. La nostra idea ha trovato totale accoglimento. Anche secondo il T.A.R. della Campania se i quesiti sono mal formulati “i partecipanti subiscono l’esito di una prova falsata giacchè non hanno avuto la possibilità di confrontarsi correttamente su una serie di quesiti che avrebbero potuto attribuirgli quel gap necessario al raggiungimento di una posizione utile.

E’ proprio in ragione di ciò, quindi, che i nostri ricorrenti hanno meritato l’ammissione al corso di laurea in Medicina cui da sempre avevano aspirato, giacchè “nei quiz a risposta multipla predeterminata non rileva, ai fini dell’illegittimità, solo l’erroneità della soluzione indicata come esatta, bensì anche la formulazione ambigua dei quesiti, la possibilità che vi siamo risposte alternative e esatte o la mancanza di una risposta esatta ed, in generale, tutte quelle circostanza che si rilevano contrarie alla ratio di certezza ed univocità che deve accompagnare i quesiti relativamente ad una prova preselettiva a risposta multipla”.

Il diritto allo studio è stato quindi nuovamente e con forza riaffermato.

T.A.R. Campania, Napoli, Sez. IV, 28 ottobre 2011, n. 5051