AL TAR L’AQUILA UNA PIETRA MILIARE DEL NUMERO CHIUSO: CHI E’ AMMESSO CON LA SOSPENSIVA E SUPERA GLI ESAMI DEL PRIMO ANNO E’ DEFINITIVAMENTE DENTRO

Categories: News

Una delle nostre più convinte battaglie è stata vinta. Dopo che un concorso illegittimo si era consumato per l’ammissione alle Professioni sanitarie dell’Università de L’Aquila, avevamo agito innanzi al T.A.R. chiedendo l’immediata ammissione dei nostri ricorrenti.

Richiesta accolta. Tutti hanno potuto studiare sin dal mese di dicembre dello scorso anno. Qualche giorno fa l’udienza finale nella quale abbiamo fatto rilevare che i nostri studenti, come spesso avviene, avevano superato tutte le materie del primo anno e, per questo, nessun test poteva mettere in discussione la loro ormai consolidata posizione.

Ecco la risposta del T.A.R.“Ritiene il collegio di condividere l’attenta difesa delle ricorrenti in ordine all’improcedibilità del gravame, per avvenuta stabilizzazione delle posizioni giuridiche scaturite a seguito dell’accolta sospensiva.Quanto alla prova circa l’avvenuto superamento degli esami del primo anno di corso da parte dei ricorrenti, tale circostanza può darsi per acquisita in giudizio, atteso che la formale dichiarazione resa agli atti dalla parte interessata non è stata in alcun modo confutata dalla PA resistente; pertanto trova applicazione nella specie l’art. 64 CPA comma 2, secondo cui il giudice deve porre a fondamento della decisione i fatti non specificamente contestati dalle parti costituite.
Premesso quanto sopra, ai sensi del citato art. 4 comma 2 bis del d.l. 115/2005, è la legge stessa a consentire in capo al ricorrente lo stabile conseguimento del titolo per il quale concorre, a seguito del superamento delle relative prove, anche allorché tale traguardo scaturisca in virtù –come nella specie- di provvedimenti giurisdizionali cautelari che hanno determinato il superamento dell’originaria preclusione partecipativa.
Ed il titolo in questione per le ricorrenti era proprio quello lo status di matricola e di studente, titolo in concreto raggiunto mediante il proficuo superamento degli esami del primo anno di corso. Come esattamente osservato nella memoria del 28.5.2012, infatti,”…l’ammissione del corso di laurea a numero chiuso, d’altra parte, non dà affatto la certezza di ottenere il titolo di laurea, ragion per cui sarebbe errato pensare che la legge sia applicabile solo ove il ricorrente acquisisca la laurea (poiché) l’accesso, come detto, è inerente solo al primo anno”; pertanto, il superamento degli esami previsti in tale piano di studi equivale senza dubbio a quelle prove scritte e orali a cui la legge fa riferimento.
In conclusione, il ricorso va dichiarato improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse ai sensi dell’art. 4 comma 2 bis del dl. 115/05 introdotto dalla legge di conversione 168/2005, con gli effetti di stabilizzazione appena precisati“, e i ricorrenti sono, quindi, definitivamente, ammessi.

Continueremo strenuamente a difendere il diritto allo studio perchè non sia mai consentito che, dopo anni di studio, si vanifichino gli sforzi fatti da famiglie e studenti.

Vai al Weblog per leggere l’articolo completo.