Depennati: per il T.A.R. Lazio è illegittimo anche il D.M. GAE. sulla 4 fascia aggiuntiva. In GAE i nostri ricorrenti.

scolastico
Categorie: News

Il T.A.R. Lazio, in data 10 settembre 2014, ha dichiarato l’illegittimità del D.M. n. 52/14 con il quale, per la prima volta, era stata introdotta una quarta fascia, aggiuntiva alla terza, e dedicata ad alcune particolari categorie di docenti.

È una vittoria davvero importante” riferiscono gli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti,  “in cui il Tar ha ritenuto di annullare un Decreto del Ministero”.

Il T.A.R., ricordano i legali, ha richiamato, per concedere l’immediata ammissione, la recente sentenza sui depennati sul precedente D.M. di aggiornamento su cui il Consiglio di Stato ha usato parole durissime per stigmatizzare la scelta del MIUR. “L’esito voluto dall’amministrazione è contraddittorio, e non privo di elementi di prevaricazione per le legittime aspettative giuridiche degli interessati, perché l’avere blindato le graduatorie, nella prospettiva del loro esaurimento, non può giustificare, apparendo anzi sommamente ingiusto, la cancellazione definitiva dalle medesime per effetto di una omissione non consapevole perché non debitamente partecipata e in assenza di una corretta e completa partecipazione procedimentale”, ricorda l’avvocato Santi Delia.

Per l’avvocato Michele Bonetti “trattasi di una nuova breccia nel muro delle GAE mediante una coraggiosa decisione del Tar del Lazio; ora dopo questa apertura proseguiremo nella nostra battaglia per l’ingresso nelle Gae dei diplomati magistrali e di tutte le categorie da noi rappresentate. Il Tar dopo la nostra vittoria dinanzi alle Sezioni Unite della Cassazione ha coraggiosamente ribadito la propria giurisdizione sulla materia delle Graduatorie ad esaurimento e ha accolto il nostro ricorso”.

Tutti i depennati ed i congelati potranno partecipare ai nuovi ricorsi d’urgenza al GIUDICE DEL LAVORO aderendo entro il 20 SETTEMBRE 2014

Vai alla rassegna stampa

Studio Legale Avvocato Santi Delia