Daily Archives: 26 Settembre 2014

magistratura

Esame avvocato: non c’è copiatura se il resto dell’elaborato può essere valutato dalla Commissione autonomamente

Il T.A.R. Catania ha accolto il ricorso dell’Avv. Santi Delia e dichiarato illegittima l’esclusione dalle prove scritte dell’esame d’avvocato, sessione 2013, presso la Corte d’Appello di Messina di un candidato. Secondo la Commissione di Caltanissetta l’aspirante avvocato avrebbe copiato da altro candidato buona parte dell’elaborato.

Il legale, tuttavia, ancorandosi a diversi precedenti giurisprudenziali, faceva notare al Collegio catanese che “sebbene gli elaborati relativi agli atti giudiziari […] siano in alcune parti sovrapponibili, gli stessi conservano comunque una loro propria fisionomia che li rende non identici e quindi suscettibili di autonoma valutazione.

Il T.A.R. Catania ha accolto in toto tale tesi ordinanando alla Commissione di Caltanissetta di provvedere entro 30 giorni alla correzione di tutti gli elaborati del ricorrente.

Si tratta del primo accoglimento del T.A.R. Catania sugli esami d’avvocato di candidati messinesi del 2013/2014.

Frattanto, al T.A.R. Lazio, anche alla camera di consiglio del 25 settembre, sono stati emessi numerosi provvedimenti di accoglimento in ragione della mancata espressa motivazione dei giudizi elaborati da varie Commissioni d’esami. E’ l’ulteriore conferma della correttezza della nostra tesi.

T.A.R. Catania, Sez. IV, 26 settembre 2014

scolastico

Congelati SSIS: dopo la Sicilia, arriva il primo accoglimento in Emilia Romagna al Giudice del Lavoro

Il Tribunale del Lavoro di MODENA, con ordinanza 9 ottobre 2014, ha ordinato all’Ufficio scolastico provinciale di MODENA l’immediata riammissione in G.A.E. di una docente congelata SSIS accogliendo il ricorso degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti.

Il Tribunale, commenta l’Avvocato Delia, ha accolto la tesi della doppia tutela dei congelati SSIS. Anche chi non ha agito al T.A.R., infatti, ha la possibilità di agire innanzi al Giudice del Lavoro impugnando l’esclusione dalle G.A.E. a seguito del rigetto della domanda presentata durante l’ultimo aggiornamento o in quello precedente. Il lavoro dei legali, dopo le due vittorie al T.A.R. nel merito e le recenti sospensive anche sull’ultimo D.M. di aggiornamento, rende certamente più semplice la strada ai Tribunali del Lavoro che non devono neanche disapplicare atti amministrativi ministeriali che, allo stato, sono sospesi o annullati.

La vincenda dei congelati è ormai alla ribalta nazionale e persino la Stampa nazionale si sta occupando di questa categoria di docenti.

Tutti i congelati SSIS abilitati con T.F.A. che hanno presentato la domanda nei termini, possono quindi agire o innanzi al TRIBUNALE DEL LAVORO o innanzi al T.A.R.

Situazione analoga riguarda i c.d. depennati che hanno presentato domanda di ammissione in G.A.E. nel 2009 vedendosela respingere. Anche in tal caso, essendo intervenuto l’annullamento del D.M., tutti i depennati possono agire per ottenere un nuovo inserimento in G.A.E.

Per aderire all’azione scrivere a santi.delia@avvocatosantidelia.it e info@avvocatomichelebonetti.it

Vai alla rassegna stampa

Il Tempo

scolastico

Congelati SSIS: arriva il primo accoglimento in Italia dell’a.s. 2014/2015 al Giudice del Lavoro

Il Tribunale del Lavoro di Messina, con ordinanza 26 settembre 2014, ha ordinato all’Ufficio scolastico provinciale di Messina l’immediata riammissione in G.A.E. di una docente congelata SSIS accogliendo il ricorso degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti.

Il Tribunale, commenta l’Avvocato Delia, ha accolto la tesi della doppia tutela dei congelati SSIS. Anche chi non ha agito al T.A.R., infatti, ha la possibilità di agire innanzi al Giudice del Lavoro impugnando l’esclusione dalle G.A.E. a seguito del rigetto della domanda presentata durante l’ultimo aggiornamento o in quello precedente. Il lavoro dei legali, dopo le due vittorie al T.A.R. nel merito e le recenti sospensive anche sull’ultimo D.M. di aggiornamento, rende certamente più semplice la strada ai Tribunali del Lavoro che non devono neanche disapplicare atti amministrativi ministeriali che, allo stato, sono sospesi o annullati.

Tutti i congelati SSIS abilitati con T.F.A. che hanno presentato la domanda nei termini, possono quindi agire o innanzi al TRIBUNALE DEL LAVORO o innanzi al T.A.R.

Situazione analoga riguarda i c.d. depennati che hanno presentato domanda di ammissione in G.A.E. nel 2009 vedendosela respingere. Anche in tal caso, essendo intervenuto l’annullamento del D.M., tutti i depennati possono agire per ottenere un nuovo inserimento in G.A.E.

Per aderire all’azione scrivere a santi.delia@avvocatosantidelia.it e info@avvocatomichelebonetti.it

Il MIUR emana il “blocca-ricorsi UDU”: i nostri chiarimenti

Il MIUR ha emesso una circolare con cui assume che il T.A.R. non avrebbe indicato in che sede immatricolare i ricorrenti.
E’ chiaro che non sappiamo il contenuto dei ricorsi proposti da altri legali.
Nei nostri ricorsi, tuttavia, è espressamente chiesto che i ricorrenti vengano ammessi in prima opzione.
Il T.A.R. in tal senso ha accolto i ricorsi disponendo l’ammissione presso gli Atenei in ricorso specificati.
La regola del MIUR, pertanto, può applicarsi solo per quei ricorsi privi di tale specificazione.
Se l’interpretazione data sarà diversa e voi non preferite andare nella sede che il MIUR illegittimamente vi indica (che in alcuni casi è persino migliore della prima scelta dal punto di vista delle nuove esigenze sopravvenute per qualcuno di Voi) provvederemo a chiedere al TAR di disapplicare questo illegittimo provvedimento che tuttavia non sembra riguardarci e che invece ci consegna un ulteriore ed importante certezza. Il MIUR non parla di appello cautelare e sposta alla fase di merito ogni assetto degli interessi.
Si tratta di un enorme passo in avanti nella nostra battaglia.

 

Studio Legale Avvocato Santi Delia