Tfa sostegno, Consiglio di Stato: la natura di alta specializzazione del TFA è comunque garantita dall’ammissione degli idonei in altre sedi a copertura di tutti i posti rimasti disponibili.

dirittoscolastico
Categorie: News

I posti rimasti vacanti nei corsi TFA di tutte le università italiane possono essere tutti ricoperti dai candidati risultati idonei presso altri Atenei diversi da quello in cui tali posti sono risultati liberi, Secondo il Consiglio di Stato, dunque, se, ad esempio, a Bergamo sono rimasti 10 posti vacanti questi ben possono essere occupati da 10 idonei presso l’Ateneo di Roma ove, al contrario dell’Università lombarda la selezione aveva visto rimasti esclusi dalla partecipazione al corso soggetti, comunque, idonei.

Ed infatti i Giudici di Palazzo Spada hanno che se “è pur vera la natura di alta specializzazione del TFA per i posti inerenti alla formazione sul sostegno, in relazione ai valori sociali e costituzionali implicati nell’attività scolastica di sostegno”, “nondimeno che di per sé solo tal argomento non appare dirimente a fondare, in assenza di un giudizio di merito negativo nei riguardi degli odierni appellanti, la ragionevolezza della clausola di non integrazione, con altri candidati, dei posti rimasti disponibili”.

Questo è l’ultimo principio espresso dal Consiglio di Stato con l’ordinanza del 18 dicembre 2017 in un giudizio patrocinato dagli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti e per mezzo del quale è stata accolta l’istanza cautelare dei ricorrenti – soggetti risultati idonei nelle prove effettuate in un determinato Ateneo – che chiedevano di essere ammessi a frequentare il corso TFA presso Atenei diversi in cui risultavano ancora posti vacanti.

Tale provvedimento chiarisce come la natura del corso TFA, volta alla specializzazione dei docenti nell’ambito del sostegno, sia strettamente legata a principi di natura costituzionale che, in questo caso possono essere realizzati consentendo, come nel caso che ci occupa, la frequenza ai corsi ai docenti che ne abbiano interesse.

“Nella specie” commentano Delia e Bonetti “i nostri ricorrenti, che hanno svolto il test in un ateneo di Roma, e pur di migliorare la propria preparazione professionale, hanno deciso di seguire il corso in Atenei anche molto distanti dal proprio domicilio, come quello di Lecce e Bergamo. Si tratta di un sacrificio ripagato dal provvedimento positivo del Consiglio di Stato, che, oggi, mette il definitivo sigillo ai tanti successi ottenuti nell’ambito del contenzioso sull’accesso ai corsi TFA”.  

Studio Legale Avvocato Santi Delia