INSERIMENTO IN PRIMA FASCIA GPS PER LAUREATI CON 24 CFU: BONETTI & DELIA VINCONO IN TRIBUNALE.

Categories: News

“Il Tribunale di Messina accoglie il ricorso e, per l’effetto, riconosce il diritto del ricorrente ad essere inserito nella prima fascia delle graduatorie provinciali e nella seconda fascia delle graduatorie di istituto”.

Con due pronunce del 2 agosto (Giudice G. Bellino) e del 5 agosto (Giudice A. La Face) il Tribunale di Messina ha accolto i ricorsi degli insegnanti patrocinati dagli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti e ordinato al Ministero dell’Istruzione di inserirli nella prima fascia GPS in virtù del possesso congiunto dei titoli utili all’insegnamento (laurea o diploma) e dei 24 CFU.

Secondo il Tribunale “è ritenuto paradossale che al possesso del diploma di laurea e dei 24 CFU, considerato ormai dalla legge titolo di abilitazione all’insegnamento per la partecipazione ai futuri concorsi per l’assunzione a tempo indeterminato, non venga riconosciuto da un decreto ministeriale analogo valore abilitante ai fini dell’inserimento nelle graduatorie di II fascia – riservate agli abilitati – per l’assegnazione di semplici incarichi di supplenza”.

L’ammissione nella prima fascia delle GPS come è noto da diritto alle supplenze per gli insegnanti ma, con un ultimo intervento normativo, il Legislatore, solo per l’anno scolastico 2021/22, ha consentito che proprio dalla prima fascia si possa attingere per l’agognata ammissione in ruolo. E’ questa, dunque, la vera novità della pronuncia del Tribunale di Messina in ragione degli effetti sulle concrete possibilità di immissione in ruolo di tanti insegnanti.

La recentissima modifica normativa di cui all’art. 59 del D.L. 25 maggio 2021, n. 73, difatti, ha messo un nuovo tassello nel percorso di reclutamento degli insegnamenti proprio in quanto, dopo la chiusura delle G.A.E. dal 2006, per la prima volta, si consente di attingere da graduatorie per titoli ai fini dell’attribuzione del ruolo. (per aderire al ricorco clicca qui)

Sul punto commenta l’Avv. Santi Delia, name founder dello Studio Legale Bonetti & Delia, il Tribunale ha colto proprio da tale peculiare e sopravvenuta ipotesi normativa come “il danno è ulteriormente aggravato (ed attuale) proprio in ragione della piena vigenza dell’art. 59 del D.L. 25 maggio 2021, n. 73 che, introduce la possibilità di assumere, a tempo indeterminato, anche da G.P.S. ma solo dalla prima fascia a cui, appunto, il ricorrente aspirava”, consentendo dunque di accedere alla tutela d’urgenza ed impedendo la perdita di un contratto ed il verificarsi di un pregiudizio alla professionalità non altrimenti risarcibile.