Università, inchiesta choc: 6 studentesse su 10 pronte a ‘vendersi’ per superare test

Categories: News

E’ questo il sistema contro il quale combattiamo.

Se l’indagine di UNIVERSINET è corretta e, davvero, 6 ragazze su 10 sono disposte a vendere il proprio corpo in cambio dell’ammissione al corso di laurea dei propri sogni, è corretta la strada che da anni, in prima linea, stiamo battendo.

La consapevolezza di tali dichiarazioni non può che giungere da chi ha già affrontato il test ed ha visto, con i propri occhi, come vengono gestite queste prove di ammissione.

E’ forse per questo che, secondo il Consiglio di Stato, la gestione del concorso di ammissione al CDL in Medicina è stato illegittimo per 10 anni in uno dei più importanti Atenei d’Italia?

O ancora per questo se, nel 2007, la prova era costellata da così tanti errori nel questionario somministrato da rendere assai probabile che anche fattori di cabala incidessero sull’ammissione?

E, ancora, solo per restare agli ultimi due anni, è per questo che le risposte al test possono essere affisse al muro di alcune aule senza che il MIUR decida per l’annullamento? O è per questo che nonostante la prova debba essere anonima, in un Ateneo la ditta privata che la gestisce possa decidere di non consegnare le buste ove sigillare i fogli risposta e tenerli segreti?

E’ normale che durante un test di due ove ti giochi il tuo futuro si debba scoprire che alcune domande del tuo questionario sono errate?

E’ normale che il tuo futuro debba essere legato all’errore del lettore ottico?

Sono tutti fatti accaduti e fortemente stigmatizzati dal T.A.R. Contro questo sistema lottiamo e lotteremo sempre.

Universinet.it – Se il corpo è considerato una merce, una “commodity” direbbero gli americani, perchè non usarlo quando il gioco si fa duro? I risultati del 2011 mostrano un dato contraddittorio, i ragazzi non si fidano più dei politici neppure per una raccomandazione (il politico scende dal 18 al 12%) e neppure dei “parenti dal 18 al 15%), cresce di poco la preparazione sui libri (+1%) e optano per scorciatoie sessuali che balzano dal 39 al 48%”. Per trovare una raccomandazione il 34% degli universitari offrirebbe un favore sessuale ( percentuale che sale al 57% contro il 45% del 2010 per le ragazze e al 39% per i ragazzi) dato in fortissima crescita rispetto all’anno scorso.
La sola scorciatoia per il successo, per gli studenti che hanno risposto ad Universinet.it, sembra essere sempre di più quella sessuale, infatti anche le risposte sul tipo di “raccomandazione più efficace” indicano quella originata da una relazione sessuale come la più gettonata (35%contro il 25% dell’anno scorso).

Inchiesta di Universinet.it

Il dato prima del segno (–>) è quello del 2010 ed il successivo dopo (–>) del 2011

1- Secondo te è più importante studiare o trovare una raccomandazione per i test di Ammissione?
Studiare 12% –>13%
Raccomandazione 85%–>86%
Altro 3%–> 1%

2 – Se hai risposto B, Quale è la raccomandazione più forte?
A – Parente professore  18%–>15%
B – Relazione sessuale   25%–>35%
C – Centri di preparazione ai test 11%–>5%
D – Politico Nazionale 18%–>12%
E – Parente o genitore Professionista (Medico Ing. Arch. Ecc)23%–>13%
F – Altro o non risponde  5%–> 7%
G- Alto prelato (vescovo cardinale) 6% à13%

3 – Cosa saresti disposto a fare per avere una raccomandazione?
A – Pagare 27% –> 6%
B – Offrire prestazioni sessuali  39 à48%
ragazze 45% –> 57%
ragazzi 14% –> 39%
C – Iscriverti ad un partito politico 16%–>19%
D – Pagare un Corso di “preparazione” 12 à24%
E- Non risponde 13% –> 3%