Rigettato il reclamo del MIUR sul diploma magistrale nonostante la pendenza della Plenaria: i nostri ricorrenti rimangono in GAE.

dirittoscolastico
Categorie: News

Il Tribunale di Ravenna in composizione collegiale ha rigettato il reclamo del MIUR e confermato l’ammissione in GAE dei nostri ricorrenti.

Il Tribunale ha chiarito, sconfessando la posizione di altri Tribunali acriticamente poggiati su precedenti frettolosi, che “pur non versandosi certamente in un caso di impedimento per forza maggiore, si impone comunque una interpretazione costituzionalmente orientata della disciplina e l’inoperatività di qualsiasi decadenza”.

“Le richieste” dei diplomati magistrale, continua il Tribunale, “non possono essere tardive, avendo solo con l’emanazione del DPR del 25 marzo 2014, appreso che gli atti di aggiornamento delle graduatorie emanati negli anni dal MIUR erano illegittimi nella parte in cui venivano esclusi dalle graduatorie medesime, i titolari del diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002“.

Il Tribunale, inoltre, ha il coraggio di resistere al fascino dell’ordinanza di rimessione alla Plenaria. “Né, allo stato, può spostare i termini del problema la circostanza che il Consiglio di Stato sez. VI, dopo aver preso nettamente posizione sulla illegittimità della esclusione dell’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento di soggetti che si trovavano nella medesima situazione soggettiva degli attuali reclamati, con ordinanza n.5861 del 28.12.2015 abbia rimesso all’Adunanza Plenaria la questione circa la legittimità o meno delle disposizioni ministeriali attraverso cui in sede di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento degli insegnanti della scuola in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002 non è stato consentito detto inserimento prospettando l’esistenza di un vulnus delle suddette decisioni “sulle finalità perseguite dal legislatore attraverso la chiusura delle graduatorie degli insegnanti precari” che induce a rimeditare sia il merito della questione sia la natura degli stessi atti ministeriali“. 

Sulla base di tali presupposti il Tribunale di Ravenna ha confermato l’accoglimentol del ricorso proposto dagli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti nell’interesse di alcuni docenti in possesso di diploma magistrale conseguito prima dell’a.s. 2001/2002 e accertato il diritto degli stessi a presentare “le domande finalizzate all’inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento a tutti gli effetti di legge”.

Si tratta, commentano gli Avvocati Bonetti e Delia, “di un provvedimento assai importante perchè sopravvenuto rispetto all’ordinanza di rimessione alla Plenaria e perchè enfatizza il ruolo che il MIUR ha avuto in questa vicenda inducendo in errore i ricorrenti. E’ un grosso passo avanti per il riconoscimento del diritto di tutti i diplomati magistrale ad ottenere quanto gli spetta“.

Studio Legale Avvocato Santi Delia