Daily Archives: 23 Maggio 2018

dirittoscolastico

Tribunale di Livorno: illegittimo l’uso da parte del MIUR “del c.d. algoritmo impazzito”. Docente torna in Sicilia.

Stavolta è il Tribunale di Livorno a pronunciarsi sulla questione della illegittimità delle procedure di mobilità intraprese dal Miur.

La sentenza del Giudice della sezione lavoro dà ragione alle tesi difensive degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti con un altro provvedimento, l’ennesimo che consente ad una insegnante di tornare vicino alla provincia di casa.

Secondo il Tribunaleo “considerato che per l’ambito territoriale Sicilia, con specifico riguardo alla provincia di Catania, indicata dalla ricorrente in domanda come seconda preferenza dopo Messina (sede di prima scelta), risultano assegnate cattedre a docenti aspiranti con punteggi inferiori, ne consegue l’illegittimità del mancato trasferimento della ricorrente all’ambito in questione”.

Molti insegnanti come la ricorrente si sono visti sopravanzare da altri colleghi assegnati a sedi “vicino casa” seppur in possesso di un punteggio inferiore.

Che l’algoritmo utilizzato dal Ministero nel gestire il piano di mobilità docenti fosse caratterizzato da molteplici irregolarità, è un fatto ormai noto: su tale argomento, lo studio Delia & Bonetti è stato il primo a livello nazionale ad individuare irregolarità nelle procedure di assegnazione dei docenti a sedi che, spesse volte, non corrispondevano a quelle che effettivamente sarebbero dovute spettare ai docenti in mobilità. Proprio grazie al nostro ricorso, inoltre, il MIUR è stato condannato a svelare l’algoritmo su ordine del T.A.R. Lazio (guarda il focus su questo link).

A tal proposito il Tribunale di Livorno ha rilevato che “Orbene, proprio rispetto alla questione del c.d. algoritmo impazzito, nel giudizio odierno parte resistente, non costituendosi, non ha offerto alcuna ricostruzione alternativa delle modalità con le quali sono stati abbinati ai docenti i singoli ambiti territoriali per il trasferimento”.

Ancora una volta è messo nero su bianco che soggetti con punteggi più bassi abbiano ottenuto sedi migliori di altri: il MIUR e gli Uffici hanno usato parametri meramente legati alle opzioni di scelta e non al merito.

Adesso il MIUR sarà costretto a trasferire la docente vicino alla sua famiglia e dovrà anche risarcire le spese legali.

Studio Legale Avvocato Santi Delia