MOBILITÀ MEDICI DI ASSISTENZA PRIMARIA: Regione rinuncia ad appello innanzi al Cga.

Categorie: News

PALERMO – L’Assessorato siciliano alla Sanità dopo aver proposto appello avverso la decisione del Tar Palermo, all’esito della camera di consiglio del 13 novembre, vi ha rinunciato ritenendo prevalenti le esigenze cautelari già positivamente valorizzate dal Tar Palermo.
La prima sezione del Tar Sicilia, difatti, nel mese di settembre, aveva sospeso la procedura di mobilità riservata ai medici di assistenza primaria con riferimento agli “ambiti carenti di assistenza primaria relativi all’anno 2019” accogliendo il ricorso dell’Avvocato Santi Delia (founder di Bonetti & Delia Studio Legale), nell’interesse di uno dei medici esclusi dalla procedura.

In particolare, tale procedura bandiva le zone carenti dislocate nella regione Sicilia (ad es. ambiti relativi ad Isole Eolie, Isole Egadi, etc..) da assegnare ai medici di assistenza primaria, sulla base del punteggio maturato nel corso della propria carriera professionale. Tra i requisiti necessari a partecipare a tale procedura, ai sensi dell’Accordo Collettivo Nazionale vigente, era previsto che potessero concorrere al conferimento degli incarichi i medici titolari di incarico a tempo indeterminato di assistenza primaria iscritti da almeno due anni in un elenco della Regione che pubblica l’avviso.

Secondo il T.a.r., “il ricorso introduttivo e i successivi motivi aggiunti appaiono assistiti da sufficiente fumus boni iuris in relazione alla censura con cui parte ricorrente, lamenta la violazione e falsa applicazione dell’art. 34, come modificato dall’art. 5 dell’A.C.N. del 21 giugno 2018″ avendo la Regione obliterato le modifiche “che appaiono sostanziali (e non meramente terminologiche), apportate con il nuovo A.C.N. in data 21 giugno 2018“. Alla procedura, dunque, a differenza di quanto aveva ritenuto l’Assessorato, ben potevano partecipare anche i medici con un servizio in Sicilia da almeno due anni senza che fosse necessario essere iscritti da almeno due anni nell’elenco di provenienza.

Grazie alla vittoria al Tar, commenta l’Avvocato Santi Delia, “la procedura di mobilità è regolarmente ripartita inserendo i ricorrenti vittoriosi. Si tratta di una decisione destinata ad incidere nella gestione dell’assegnazione degli ambiti carenti di assistenza primaria su tutta la Regione e che, come la contrattazione collettiva voleva e l’Assessorato aveva obliterato, premia i medici che, da tempo, svolgono il loro servizio a favore della collettività siciliana”.

Studio Legale Avvocato Santi Delia