Bando INPS 1858 consulente protezione sociale: illegittima la mancata valutazione del diploma di specializzazione per le professioni legali.

Ancora una volta, nell’ambito della medesima procedura concorsuale, l’INPS ritiene di non dover valorizzare in alcun modo il titolo di diploma SSPL.

Nell’ambito del precedente concorso, all’esito del nostro ricorso innanzi al T.A.R. e Consiglio di Stato, l’INPS ha subito la condanna all’attribuzione di ben 4 punti equiparando il diploma SSPL al master di II livello.

Nell’ambito di quel contenzioso siamo riusciti a dimostrare un importantissimo principio utile a derogare anche alla lex specialis di concorso ove manchi una previsione specifica sulle valutazioni di taluni titoli (come nel caso del nuovo bando). Secondo il Consiglio di Stato, difatti, per quanto “le clausole del bando di concorso per l’accesso al pubblico impiego non possono essere assoggettate a procedimento ermeneutico in funzione integrativa, diretto ad evidenziare in esse pretesi significati impliciti o inespressi, dovendo, invece, essere interpretate secondo il significato immediatamente evincibile dal tenore letterale delle parole e dalla loro connessione (cfr. art. 12, primo comma, disp. prel. cod. civ.)”, ove il tema riguardi “l’efficacia dei titoli posseduti e dichiarati dal candidato per l’ammissione al concorso, riconosce che il principio sostanziale debba prevalere sul principio formale anche nella ipotesi in cui, come nel caso di specie, la questione verta sui titoli valutabili per la determinazione del punteggio finale, perché diversamente si perverrebbe ad una illogica e immotivata disparità di trattamento”.

“In presenza di titoli riconosciuti assimilabili e/o equivalenti a titoli espressamente previsti dal bando di concorso, e avuto particolare riguardo proprio al diploma di perfezionamento in professioni legali rispetto al Master di II livello, (a prescindere dal nomen iuris) equiparabili ai master i corsi di perfezionamento post lauream che presentino le medesime caratteristiche, con riguardo alla durata, al numero delle ore di insegnamento, alla previsione di un esame finale” non può negarsi una piena equiparabilità.

Tali principi, a nostro modo di vedere, possono essere applicati al concorso a cui avete partecipato.

RIUNIONE INFORMATIVA GRATUITA ON LINE

In data 30 dicembre 2022, al fine di rispondere alle numerose richieste pervenute, abbiamo indetto una riunione on line usando il tool TEAMS, per rispondere alle Vs domande sulla mancata valutazione del titolo SSPL nell’ambito del concorso INPS.

Essendovi anche altri casi peculiari, peraltro, ove vi sarà tempo, potrebbero essere affrontati anche altri temi specifici inerenti la mancata valutazione di altri titoli (ad esempio IELTS di lingua).

Per collegarsi potete usare il link che segue.

Non dovete scaricare alcun software ed è sufficiente
Cliccare qui per accedere alla riunione

COSTI

La partecipazione alla riunione on line è gratuita.

Già prima della pubblicazione della graduatoria definitiva, che verosimilmente verrà integrata dopo l’ultima sessione del 12 gennaio 2023, stante il precedente specifico, riteniamo utile avanzare un atto extragiudiziale di significazione.

Il costo di tale fase è pari a € 50 (compresi iva e cpa) cadauno.

In ipotesi di fase giudiziale e necessità di impugnare la graduatoria il costo è di € 500 per il ricorso collettivo ed € 1500 oltre iva cpa e cu per quello individuale.

Per aderire scarica la documentazione e segui le istruzioni