MEDICINA, ODONTOIATRIA E VETERINARIA 2018: TAR LAZIO CHIEDE SPIEGAZIONI AL MIUR SUI DUE QUESITI ANNULLATI E SUL NUMERO DEI POSTI BANDITI. CDS ACCOGLIE APPELLI.

Il TAR LAZIO, con provvedimento del 23 aprile 2019, ha ordinato al Miur di far chiarezza sul numero dei posti che vengono banditi per l’accesso ai corsi di laurea in Veterinaria e sull’annullamento solo parziale di due dei quesiti somministrati, accogliendo le richieste degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti.

I giudici del T.A.R. hanno chiesto al MIUR di rassegnare “puntuali chiarimenti sull’ambiguità e/o incongruenza dei due quesiti in discussione e sulle ragioni che hanno indotto l’Amministrazione alla predetta determinazione, anziché alla neutralizzazione degli stessi quesiti (come accaduto in analoghi casi in passato)”. Oltre a tale aspetto, che da quasi un ventennio vede domande del test annullate per mano di T.A.R., Consiglio di Stato o dallo stesso MIUR senza che si riesca, mai, a rassegnare una batteria valida in un anno di concorso (se l’errore non arriva su Medicina è sempre arrivato su Veterinaria o Architettura i cui test sono elaborati dalla stessa Commissione), il MIUR dovrà spiegare le ragioni della riduzione dei posti assegnati agli Atenei.

Mentre su Medicina è stata accolta, integralmente, l’offerta degli Atenei, su Veterinaria no. Il T.A.R., in tal senso, ha chiesto al Ministero di spiegare “le ragioni che hanno indotto a bandire un numero di posti inferiore rispetto all’offerta formativa messa complessivamente a disposizione dagli Atenei italiani” soprattutto in un corso di laurea ad altissimo tasso di rinunce all’esito del test.

Veterinaria, difatti, a differenza di Medicina, vede uno scorrimento colmo di rinunce e decadenze giacchè sono centinaia i candidati che, pur collocandosi in posizione utile, alla fine decidono di non iscriversi. In tal senso, il T.A.R. ha anche imposto di fornire chiarimenti circa “l’attuale disponibilità di posti per Veterinaria a.a. 2018/2019 a seguito di rinunce o decadenze”.

Il fronte, tuttavia, non è affatto limitato a Veterinaria, giacchè nelle settimane scorse il Consiglio di Stato ha accolto i nostri appelli anche su Medicina del 2017 e 2018. Secondo la Sesta Sezione del Consiglio di Stato”, continuano gli Avvocati Bonetti e Delia, “sono fondati tanto i vizi sulle domande nn. 11 e 20 che questa volta – a differenza di Veterinaria – il Miur non ha toccato quanto la questione complessiva sul numero dei posti banditi”. Che, poi, il Consiglio di Stato, sembra aver visto nella direzione corretta, trova conferma nelle recenti dichiarazioni dello stesso Ministero che, presentando il Decreto per il test 2019, ha parlato di 2.000 posti in più che gli Atenei, senza aggiungere una sedia alle proprie dotazioni, sono comunque in grado di garantire”.

Il T.A.R., dopo anni di chiusure sul punto, ha invece ora “ritenuto, pertanto, di dovere richiedere al MIUR documentati chiarimenti, da rendere entro quaranta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza, circa la disposta diminuzione di posti disponibili, su scala nazionale, per gli studenti comunitari residenti nella UE e circa la eventuale valutazione del fabbisogno professionale a monte delle scelte ministeriali impugnate“.

E’ anche grazie a tali azioni giudiziali che, tra il 2016 ed il 2018, si è assistito ad un contenuto aumento dei posti. Solo in Sicilia, nel 2016, difatti, a fronte della possibilità offerta dai 3 Atenei di Palermo, Messina e Catania di immatricolare 898 studenti, il Miur ne ha assegnati appena 717. Quasi 200 giovani, pur avendo fatto un buon test, non hanno potuto studiare senza alcuna reale ragione e nonostante la conclamata carenza di medici.

Sul punto, difatti, al di là del noto imbuto formativo sulle specializzazioni, è anche l’accesso al corso di laurea che deve essere allargato. Non lo diciamo (solo) noi, ormai da anni, ma da ultimo anche l’Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane. Così come riportato da Il Sole 24 ore il 19 aprile scorso, “per rimpiazzare tutti i 56mila medici che nei prossimi 15 anni lasceranno il servizio sanitario nazionale, è la proiezione dell’Osservatorio, saranno necessarie 13.500 immatricolazioni ai corsi di laurea in Medicina – circa 5mila studenti in più da formare ogni anno – e 11mila posti di specializzazione“. Frattanto, proprio per il ritardo con cui tale “cura” verrà messa in atto, Regioni come Veneto ed Emilia stanno richiamando medici in pensione e attingendo dal bacino estero.

Il Consiglio di Stato, inoltre, nelle scorse settimane, è intervenuto anche sulla regolamentazione dello scorrimento, limitato ai soli ricorrenti vittoriosi, sui posti lasciati vacanti dagli extracomunitari all’esito del test 2017. Ancora una volta, accogliendo le nostre tesi, ha bocciato la soluzione ministeriale volta a ritenere decaduti i ricorrenti o imporgli sedi deteriori rispetto alle proprie scelte senza alcun riguardo al merito.

Le decisioni di T.A.R. e Consiglio di Stato, secondo gli Avvocati Bonetti e Delia, danno una nuova speranza a centinaia di studenti ancora oggi incomprensibilmente esclusi dal corso di laurea cui legittimamente aspirano a studiare e rappresenta un’importantissima riaffermazione del diritto allo studio di tutti gli studenti.

Studio Legale Avvocato Santi Delia