Bonetti & Delia vincono al TAR LAZIO su Scienze della Formazione e Architettura

Categories: News

L’acquisizione di forze universitarie inferiori alle complessive potenzialità recettive della struttura universitaria contrasta con la dichiarata finalità della programmazione delle immatricolazioni, consistente nella piena e completa saturazione di tutti i posti disponibili, anche in relazione ai principi costituzionali stabiliti agli articoli 33 e 34 della Costituzione”. È questo il principio proclamato dal TAR per il Lazio in tre pronunce cautelari relative ai corsi di laurea di Scienze della Formazione primaria degli Atenei di Palermo, Cagliari e L’Aquila.

Analogo provvedimento è toccato all’Università di Cagliari per il corso di laurea di Scienze dell’Architettura.

Nella specie, sia il bando di ammissione predisposto dalle citate Università sia i corrispondenti Decreti Ministeriali prevedevano, ai fini dell’immatricolazione, il conseguimento di un punteggio minimo all’esito delle relative prove di accesso. Si proibiva così qualsiasi scorrimento o integrazione della graduatoria, anche qualora la soglia di sbarramento fosse stata raggiunta da un numero di candidati inferiore al numero dei posti disponibili. Ne derivava che, in tutti gli Atenei portati in giudizio, risultava ammesso un numero di candidati di molto inferiore al contingente bandito per l’a.a. 2019/2020, con conseguente vacanza di un numero significativo di posti rimasti vuoti e disponibili.

Il T.A.R. del Lazio, ha accolto la tesi dello Studio Bonetti & Delia, che ha patrocinato un centinaio di ricorrenti con un team guidato dal founder Michele Bonetti.