Archivio: News

dirittoscolastico

Diplomati magistrali in GAE: fissata all’8 giugno l’adunanza sul ricorso al PDR

E’ fissata alla data dell’8 giugno 2016 l’adunanza dinanzi al Consiglio di Stato, sezione consultiva, per la discussione in sede cautelare del ricorso straordinario al Presidente della Repubblica presentato nell’anno 2014 per l’ammissione in GAE degli insegnanti in possesso di diploma di maturità magistrale.

Dopo i numerosi rinvii disposti nei mesi passati, dovuti probabilmente all’imminenza dell’adunanza plenaria, e dopo i nostri numerosi solleciti si discuterà anche l’ultimo nostro ricorso straordinario pendente.

Siamo riusciti, infatti, presentando una nuova richiesta circostanziata, ad evidenziare che dopo il dettato dell’Adunanza Plenaria non vi erano più ostacoli per non consentire la trattazione della domanda cautelare di questo ricorso giacchè questi ricorrenti sono, di fatto, gli unici rimasti privi di tutela.

Pur trattandosi di una fase cautelare, non abbiamo motivo di ritenere che il Consiglio di Stato si discosti dall’orientamento ormai costante del G.A., riconfermato nell’adunanza plenaria dello scorso aprile e di cui stiamo attendendo, con ottimismo, le motivazioni nel merito.

Confidiamo, pertanto, che la Sezione consultiva accolga la Vostra richiesta di ingresso nelle Gae pur se con riserva e da confermarsi nella sede di merito.

Vai al focus sulla Plenaria

dirittoscolastico

Rigettato il reclamo del MIUR sul diploma magistrale: i nostri ricorrenti rimangono in GAE.

Il Tribunale di Pistoia in composizione collegiale ha rigettato il reclamo del MIUR e confermato l’ammissione in GAE dei nostri ricorrenti.

Il Tribunale ha chiarito, sconfessando la posizione di altri Tribunali acriticamente poggiati su precedenti frettolosi, che la Legge di chiusura delle G.A.E. non può impedire l’ammissione nelle graduatorie dei ricorrenti “giacchè il diritto all’inserimento non può che avere valore retroattivo rispetto alla sentenza accertativa”. A parere del Tribunale inoltre, le sentenze del Consiglio di Stato sono certamente valevoli erga omnes atteso l’annullamento di un provvedimento generale a contenuto inscindibile.

Sulla base di tali presupposti il Tribunale di Pistoia ha confermato l’accoglimentol del ricorso proposto dagli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti nell’interesse di alcuni docenti in possesso di diploma magistrale conseguito prima dell’a.s. 2001/2002 e accertato il diritto degli stessi a presentare “le domande finalizzate all’inserimento nelle Graduatorie ad Esaurimento a tutti gli effetti di legge”.

Si tratta, commentano gli Avvocati Bonetti e Delia, “di un provvedimento assai importante perchè sopravvenuto rispetto all’ordinanza di accoglimento della Plenaria e perchè enfatizza il ruolo che il MIUR ha avuto in questa vicenda inducendo in errore i ricorrenti. E’ un grosso passo avanti per il riconoscimento del diritto di tutti i diplomati magistrale ad ottenere quanto gli spetta“. Anche il Giudice del Lavoro, infatti, dovrà tenere conto di questo importante e decisivo passaggio al Consiglio di Stato.

Continue reading Rigettato il reclamo del MIUR sul diploma magistrale: i nostri ricorrenti rimangono in GAE.

dirittoscolastico

Concorsone 2016: chiarimenti ai ricorrenti. Arriva la nota del T.A.R. Lazio sul calendario delle udienze.

Il T.A.R. Lazio, con il provvedimento che potrete visionare, ha rinviato la trattazione di molti ricorsi al mese di giugno e luglio.

La necessità di provvedere ad “una approfondita valutazione delle nuove tematiche sottoposte a giudizio“, infatti, ha fatto optare il T.A.R. per la scelta di dividere la trattazione dei ricorsi non solo per la data del 19 maggio (ultima utile per giungere ad eventuali sessioni suppletive entro il 31/5) ma anche dopo.

E’ indifferente, dunque, secondo il T.A.R. che la Vostra singola causa venga trattata o meno prima della fine delle prove del 31 maggio giacchè, in ogni caso, ove i ricorsi saranno accolti verranno fissate delle sessioni ad hoc per i ricorrenti.

Secondo quanto hanno precisato i Presidenti della Sezione III e III bis del TAR, con tale soluzione, “saranno tutelati gli interessi dei ricorrenti, anche con soluzioni alternative all’ammissione con riserva“.

Giorno 19 maggio si celebrerà l’udienza per i nostri ricorsi pilota dei Dottorati (solo il primo gruppo che aveva ottenuto il provvedimento favorevole ed ha già sostenuto le prove), dei diplomati magistrale linguistico e #gminfanzia2012.

Quando verrà resa nota, da parte del T.A.R., la data degli altri giudizi provvederemo a dare comunicazione via mail ai ricorrenti.

dirittosanitario

Medicina generale 2016: anche i medici non ancora abilitati possono partecipare. Prorogate le adesioni all’azione.

I nuovi bandi pubblicati nella GU del 3 maggio 2016 ammettono a parteciparvi esclusivamente i medici già abilitati alla data di presentazione della domanda. Noi riteniamo che tale clausola è totalmente illegittima in quanto esclude i soggetti che potranno abilitarsi nella sessione di luglio 2016 e parteciperanno alle prove d’esame a settembre 2016 iniziando, già in possesso dell’abilitazione i relativi corsi di formazione in medicina generale.

Consigliamo a tutti coloro che si trovano in questa situazione di presentare, comunque, la domanda di partecipazione. Chi non lo avesse fatto può comunque partecipare all’azione pur non escludendo eccezioni di controparte.

Le adesioni al ricorso dovranno pervenire entro il 05/07.

La quota di partecipazione è di € 500,00 compreso IVA e CPA.

Per aderire potete COMPILARE IL FORM E SCARICARE LA DOCUMENTAZIONE

dirittoscolastico

Diploma magistrale in GAE: arriva la prima decisione della Sesta Sezione dopo la Plenaria. I nostri ammessi in GAE diventano 4.000

Nonostante i tentativi di bloccare l’ingresso dei precari nelle GAE a seguito della rimessione all’adunanza plenaria nella vicenda dei diplomati magistrali, come sapete, la stessa si è pronunciata favorevolmente alle nostre tesi il 27 Aprile. 

Già il giorno successivo, dando segno di convinta continuità, la Sesta sezione del Consiglio di Stato ha riformato l’Ordinanza del T.A.R. Lazio n. 1015/2016 sul ricorso 1738/2016, disponendo l’ammissione nelle G.A.E. dei nostri ricorrenti. L’incipit dell’ordinanza non lascia adito a dubbi: “considerato che, con ordinanza n. 1 del 27 aprile 2016, l’Adunanza Plenaria ha ritenuto, in una fattispecie analoga”.

A questo punto i nostri diplomati magistrale in GAE diventano 4.000.

Trattasi di un’ammissione con riserva” – riferiscono i legali Santi Delia & Michele Bonetti, in prima linea già durante la discussione fiume in Plenaria – “ma è la prima ammissione dinanzi alla Sesta Sezione che dopo la rimessione alla plenaria aveva iniziato a non ammettere più con riserva, rimettendo la questione al TAR del Lazio per la decisione nel merito. Da parte nostra ciò vuole rappresentare un forte segnale”.

Pertanto lo scenario concretizzatosi appare favorevole per le eventuali future pronunce, a cui il T.A.R. dovrebbe uniformarsi.

E’ assai raro, infatti, che lo stesso non si adegui a quanto stabilito dal più alto consesso amministrativo, specialmente dopo che il C.D.S. si è conformato a tale decisione.

CHI NON HA MAI AGITO COSA PUO’ FARE OGGI?

Per tutti coloro che non hanno ancora fatto ricorso è questo il momento di agire.

Come detto non possono più agire innanzi al T.A.R. o al P.D.R.

Possono agire solo innanzi al G.D.L. Il costo è di € 1.000 oltre iva e cpa e contributo unificato se dovuto. Per ogni sede si andranno a fare piccoli gruppetti omogenei.

Per tutti gli interessati si può agire seguendo le indicazioni di cui al seguente link ADERISCI ALL’AZIONE

Vai all’ordinanza

Vai alla rassegna stampa

Tecnica della Scuola

Appalti e contratti pubblici: edito da Cedam il commentario sistematico

Dopo un lavoro iniziato nel 2011, è stato finalmente edito da CEDAM il manuale a cura del Prof. Fabio Saitta “Appalti e contratti pubblici”.

Il commentario sviluppa le tematiche inerenti “Il Codice dei contratti pubblici” quali lavori, servizi, forniture, ossia il d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (… e successive modificazioni), adottato in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE.

Dopo aver a questo dedicato, esauritosi il periodo dei “correttivi”, un corposo volume denso di significativi contributi, si è configurata l’esigenza di rinnovare le riflessioni alla luce delle nuove elaborazioni dottrinali e giurisprudenziali svolte in questi lunghi anni di applicazione.

Si è, infatti, assistito nel tempo ad un progressivo processo volto ad apporre innovazioni sostanziali, si arriva a parlare di istituti di “nuovo conio” si spazia dall’avvalimento al dialogo competitivo, dall’in house providing agli accordi quadro, ed ancora, dalla sponsorizzazione al contratto di disponibilità, istituti di recente applicazione che hanno accresciuto il già variegato quadro normativo, integrandosi con le normative, di diritto interno ma anche comunitario, che vanno a creare insieme solide basi necessarie, ed al contempo indispensabili, per la modernizzazione del sistema amministrativo italiano.

Gli autori del testo, come potrete leggere in Prefazione, sono stati individuati in ragione di una già acquisita ed ufficiale posizione accademica e/o professionale e della loro appartenenza o vicinanza alle Università siculo-calabre (Catanzaro, Messina, Reggio Calabria e Catania).

Per chi scrive è stata occasione di assoluta gratificazione essere annoverato tra questi e chiamato a curare la monografia sull’in house providing.

L’istituto, è trattato nelle sue origini storiche comunitarie e poi applicato alla disciplina interna con un costante occhio alle indicazioni giurisprudenziali sul tema: dall’applicazione ai servizi pubblici locali sino al biennio di vigenza dell’art. 23-bis del d.l. n. 112/2008 ed ai pareri resi dall’A.G.C.M; dal regime post-referendario, alla sentenza costituzionale n. 199 del 2012 sino alle direttive 2014/23/UE e 2014/24/UE.

Buona lettura

 

Leggi l’indice dell’opera

 

Acquista l’opera on line

Nuova pagina pubblica social Avvocato Santi Delia

Carissimi, abbiamo attivato una nuova pagina social su Facebook per consentirVi di seguire tutte le news in tempo reale sulle attività dello studio.

Ci scusiamo se, al momento, non possiamo accettare ulteriori amicizie sul profilo Santi Delia sin’ora utilizzato e vi invitiamo a sfruttare tale nuova funzionalità.

Basterà “mettere” “MI PIACE” alla pagina pubblica Avvocato Santi Delia per ricevere sulla Vs sezione notizie di Facebook le informazioni di cui avete bisogno.

Buona condivisione

dirittoscolastico

CONCORSONE SCUOLA: CDS RIBALTA TAR LAZIO. IN 20.000 NON ABILITATI TORNANO A SPERARE.

Mentre sono in corso di svolgimento le prove del secondo giorno del concorsone della scuola che mira ad immettere in ruolo oltre 60.000 nuovi insegnanti, il Consiglio di Stato accoglie con decreto il ricorso degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, ribaltando la decisione del T.A.R. Lazio sul primo ricorso accolto ed ammettendo i laureati privi di abilitazione a partecipare. Si tratta del primo accoglimento con decreto ottenuto in appello che riconferma il primo decreto ottenuto al Tar dagli Avvocati Bonetti e Delia.

L’obiettivo di Viale Trastevere era evidentemente volto a ridurre la platea dei partecipanti impedendo anche la mera presentazione della domanda a tutti i docenti non in possesso dell’abilitazione seppur spesso assunti quali supplenti dalle Graduatorie di Istituto e quindi già da tempo nel mondo della scuola o ancora escludendo chi già ha un posto a tempo indeterminato. Per costoro, in particolare, il MIUR ha deciso che avendo già un posto in scuola statale non v’è spazio per una nuova assunzione e, quindi, per un loro miglioramento professionale. Tali fini, secondo i legali, avrebbero dovuto essere espressamente previsti dal legislatore e da esso perseguiti con i diversi strumenti già in passato ampiamente utilizzati allo scopo (immissioni in ruolo ex lege, concorsi riservati, riserve nei conconcorsi pubblici), ciò che nella specie non è avvenuto assistendosi ad una vera e propria segregazione nei confronti di tali soggetti. 
Il CDS ha quindi consentito con provvedimenti di urgenza di presentarsi agli esami stessi. 
Sono oltre 20.000 i ricorrenti che hanno tentato la strada dei Tribunali per ottenere di poter partecipare, ad armi pari, ad un concorso che, secondo l’art. 1 del Regolamento sull’accesso al pubblico impiego deve avvenire “per concorso pubblico aperto a tutti”.

Vedi il nostro provvedimento di ammissione

Vai alla rassegna stampa

Corriere della Sera

Il Fatto Quotidiano

diritto allostudio

#‎numerochiuso2015‬ Svolta al Consiglio di Stato. Accolti gli appelli. I nostri studenti, ancora una volta per primi in Italia, sono ammessi ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria.

Il Consiglio di Stato, con plurime ordinanze datate 29 aprile 2016 a firma del Pres. Sergio Santoro, con relatori il dott. Castriota Scanderbeg ed il dott. Pannone, ha accolto le istanze cautelari proposte nei ricorsi UDU, patrocinati dagli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti.

Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari, dichiara: “Grazie ai nostri ricorsi è stato finalmente acclarato dal Consiglio di Stato, pur se in una fase cautelare, che le domande del test 2015 erano sbagliate. Per l’ennesima volta è la giustizia amministrativa che riesce a risolvere problemi di fronte ad un Ministero inerme. È l’ennesimo colpo inflitto ad un sistema che fa acqua da tutte le parti.”

Secondo gli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti: “È una crepa decisiva nella diga, aperta grazie ai ricorsi dell’UDU. Ad oggi ci sono circa 1000 posti liberi che non vengono sfruttati per i corsi di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria e Professioni Sanitarie, a causa della chiusura anticipata delle graduatorie, mentre i nostri ragazzi sono costretti ad andare a studiare all’estero”.

Conclude Dionisio: “E’ ormai evidente che l’attuale sistema a numero chiuso non è più sostenibile: ogni anno tantissimi studenti sono costretti a ricorrere alle vie legali per vedere riconosciuto il diritto all’accesso al corso di studi che si è scelto per il proprio futuro perché il Ministero sbaglia i concorsi. Siamo stufi dei soliti annunci e della vuota retorica: il MIUR deve prendere atto che il muro del numero chiuso sta crollando. È necessario abrogare la legge 264/99 e convocare al più presto il tavolo per discutere realmente il superamento dell’attuale modello”.

Vai alla rassegna stampa

Repubblica.it

La Sicilia

Il Tempo

Studenti.it

Corriereuniv

 

dirittoscolastico

Plenaria sui diplomati magistrale: la nostra vittoria e tutti i chiarimenti su cosa accadrà.

L’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato segna un punto importante, forse decisivo, per i docenti in possesso del diploma magistrale.

I “maestri” di scuola elementare e dell’infanzia diplomati prima del 2001, secondo il massimo consesso amministrativo, hanno diritto di entrare nelle graduatorie ad esaurimento e, da qui, stipulare contratti a tempo indeterminato.

Quella del valore abilitante del titolo di diploma magistrale è una battaglia iniziata nel 2011 con un ricorso straordinario voluto dalle Associazioni Adida e La Voce dei Giusti e patrocinato dagli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia. Grazie a quel ricorso, due anni dopo, il Consiglio di Stato ha per la prima volta affermato il valore abilitante del titolo onerando il MIUR di ammettere nella seconda fascia delle graduatorie di istituto quei 220 insegnanti.

Il MIUR, in quel caso lungimirante, estese il beneficio a tutti i 55.000 docenti in possesso di quel titolo consentendogli l’ammissione in tale fascia nel successivo aggiornamento delle graduatorie. Li escluse, però, ancora una volta dall’ammissione nelle G.A.E. le uniche graduatorie dalle quale si attinge per ottenere il cosiddetto “ruolo”.

Si aprì, dunque, un nuovo contenzioso con il quale i diplomati magistrale chiesero al T.A.R. e poi al C.D.S. l’ammissione in tali graduatorie e, con essa, la stabilizzazione del loro lavoro speso a favore dei bambini della scuola materna ed elementare.

Il T.A.R. Lazio rigettò tutti i ricorsi dapprima affermando che la loro pretesa era infondata e poi negando che la competenza a decidere fosse del Giudice amministrativo rimandando a quello del lavoro. Il Consiglio di Stato sconfessò tali argomenti e in accoglimento dei primi 3.000 ricorrenti difesi dagli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, li ha ammessi nelle G.A.E.: siamo a marzo del 2015.

Dopo l’ammissione di oltre 10.000 ricorrenti da parte del C.D.S., anche con sentenze definitive, giunse l’ordinanza di rimessione all’Adunanza Plenaria con la quale uno dei Collegi della Sesta Sezione dubitò dell’orientamento fin’ora assunto chiedendo a tale organo di pronunciarsi definitivamente sulla questione.

Oggi, all’esito dell’udienza e di una lunghissima ed articolata discussione, è giunto l’esito del provvedimento cautelare che, ancora una volta, conferma che il posto dei diplomati magistrale è in G.A.E. A questo punto si attende, tra qualche settimana, anche il deposito delle sentenze di merito definitive della stessa Adunanza Plenaria che, a meno di veri colpi di scena, dovrebbe confermare tale posizione in via, davvero, definitiva.

Si tratta, commentano gli Avvocati Bonetti e Delia, “di un momento storico nella campagna per il riconoscimento di questo titolo di studio iniziata ormai 5 anni fa contro tutto e tutti. Per noi ed i nostri insegnanti è il premio di un lunghissimo lavoro svolto. Il MIUR ha, per oltre un decennio, negato a tutti il valore abilitante di questo titolo inducendo in errore migliaia di insegnati. E’ un decisivo passo avanti per il riconoscimento del diritto di tutti i diplomati magistrale ad ottenere quanto gli spetta“.

COSA SUCCEDERA’ E CHI PUO’ BENEFICIARE DEL PROVVEDIMENTO FAVOREVOLE

Continue reading Plenaria sui diplomati magistrale: la nostra vittoria e tutti i chiarimenti su cosa accadrà.

Studio Legale Avvocato Santi Delia