SCORRIMENTO GRADUATORIA ALLIEVI POLIZIA DI STATO. Esclusi da un emendamento gli idonei di età superiore ai 26 anni.

Categorie: News

 

Il Ministero dell’Interno ha disposto uno scorrimento della graduatoria relativa alle prove scritte del concorso per civili indetto nel 2017, volto all’assunzione di 1148 allievi agenti. Nonostante ciò vengono esclusi dallo scorrimento della graduatoria per agenti di polizia gli idonei con più di 26 anni. Ad escluderli un emendamento del Decreto Semplificazioni recentemente presentato.

Lo scorrimento riguarderebbe solo coloro che non abbiano compiuto i 26 anni di età e che sono in possesso di un diploma di scuola superiore, basandosi sul requisito anagrafico previsto dall’articolo 6 del DPR n. 335 del 1982.

Questo provvedimento amministrativo andrebbe in contrasto con quanto previsto dal bando di concorso del 26 maggio 2017, il quale fissava per la partecipazione, il limite di età inferiore ai 30 anni.

Il nostro studio legale si è già occupato di tale procedura concorsuale, impugnando vittoriosamente illegittime esclusioni di candidati durante le prove psico-attitudinali. Inoltre, sempre con il sostegno del sindacato ANIP – ITALIA SICURA, lo studio ha patrocinato ricorsi relativi ad altri concorsi per l’ammissione alle Forze di Polizia (559 Allievi Agenti), ottenendo l’ammissione alle successive prove di una pluralità di candidati, alla luce di una gestione della procedura selettiva non conforme ai principi di par condicio e segretezza della prova.

Tale emendamento andrebbe ad escludere ingiustamente molti candidati basandosi su un requisito meramente anagrafico senza tener conto del punteggio ottenuto dal singolo candidato. In tal senso si verificherebbe una situazione per la quale un candidato più giovane con punteggio più basso andrebbe a scavalcare un altro candidato, che pur avendo ottenuto un punteggio maggiore non rientri nella fascia d’età inferiore ai 26 anni. Un orientamento di questo tipo non terrebbe affatto in considerazione i principi meritocratici e di non discriminazione.

Tuttavia l’emendamento in questione non è stato ancora sottoposto a votazione. Qualora dovesse essere approvato, riteniamo che vi siano gli estremi per intraprendere un’azione legale volta a tutelare i soggetti rimasti illegittimamente esclusi dallo scorrimento della graduatoria.

Per visionare le nostre vittorie:

N. 01951/2018 REG.PROV.COLL

N. 01952/2018 REG.PROV.COLL

N. 01948/2018 REG.PROV.COLL.

Studio Legale Avvocato Santi Delia