Archivio: News

RICORSO COLLETTIVO UDU: IL TAR TOSCANA DECIDERA’ IL 29 SETTEMBRE 2010

Prosegue la campagna dell’Udu contro il numero chiuso con la richiesta di immatricolazione degli studenti a seguito delle irregolarità che hanno caratterizzato l’edizione del test del 2010 presso l’Ateneo Fiorentino.

L’Unione degli Universitari attende la decisione del Tribunale Amministrativo, nonostante la recente pubblicazione della graduatoria in forma anonima da parte del Miur, intervenuta quando la stessa Università richiedeva la sospensione delle graduatorie “sino all’esito delle opportune verifiche” da svolgersi anche in sede giudiziale.

Il Tar della Toscana, sede di Firenze, deciderà le sorti di centinaia di studenti alla camera di consiglio del 29 settembre 2010.

L’udienza si terrà dinanzi la prima sezione del Tribunale Amministrativo presieduta dal Presidente Dott. Carlo Testori.

Ammissione ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria Università di Firenze

 

Clicca qui per scaricare l’informativa.

Clicca qui per scaricare la procura per inoltrare l’istanza di accesso agli atti da sottoscrivere .

Clicca qui per scaricare la procura da sottoscrivere.

Clicca qui per scaricare il modulo anagrafica da inviare

Clicca qui per leggere cosa dice la stampa sul ricorso.

Clicca qui per scaricare le F.A.Q. sull’azione intrapresa.

Atti negativi e misure cautelari

T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. I, ord. 19 luglio 2010, n. 931, Pres. V. Zingales, Est. P.M. Savasta

Numero chiuso – Mancata ammissione CDL in Odontoiatria e Protesi Dentaria – Illegittimità dell’intero procedimento di concorso con riguardo alla correzione della prova di un candidato – Ammissione con riserva non deve essere concessa – Misura cautelare atipica con la quale si ordina la riedizione della prova – Sussiste.

Con l’ordinanza sopra richiamata il T.A.R. Catania si è occupato, in sede cautelare, del sempre vivo e mai risolto problema della tutela cautelare sugli atti negativi. Sull’argomento, nella sezione ProfiloPubblicazioni di questo sito potrete leggere un saggio dell’Avv. Santi Delia.

Il caso portato al vaglio dei Giudici catanesi riguardava numerose illegittimità perpetrate dalle Amministrazioni coinvolte nella gestione del procedimento di concorso per l’ammissione ad un corso di laurea a numero chiuso. Trattavasi di violazioni della lex specialis di concorso e dei principi generali in tema di pubbliche selezioni, talmente gravi da rendere impossibile la verifica dell’effettiva paternità dell’elaborato al ricorrente escluso dal novero dei vincitori. Secondo il T.A.R. Catania, che nelle more della complessa istruttoria svolta sull’accaduto aveva concesso la misura cautelare dell’ammissione con riserva, “in caso di smarrimento o impossibilità di certezze nell’associazione ad un candidato di un elaborato (ancor più nell’ipotesi in cui, come nel caso di specie, il migliore risultato conseguito nei due elaborati residuali, comunque, non collocherebbe in posizione utile per l’ammissione il candidato associato) non può, in sede cautelare, fornirsi una garanzia maggiore di quella conseguibile con il giudizio di merito, ma deve disporsi la riedizione della prova e non la semplice ammissione alla Facoltà in attesa del giudizio di merito”.

Il T.A.R. nella consapevolezza di non voler “pregiudicare oltremodo parte ricorrente”, ben interpretando lo spirito della L.n. 205/2000 in tema di atipicità della misura cautelare, emette una misura cautelare “facendo obbligo alle Amministrazioni intimate, ciascuno per la propria competenza, di procedere ad una nuova prova selettiva nei confronti del candidato”. In particolare, viene ordinato che “detta procedura debba essere svolta contestualmente alla prossima selezione per l’anno accademico 2010-2011, eventualmente tramite le medesime prove utilizzate per gli altri concorrenti, con l’avvertenza, però, che il risultato conseguito, proprio al fine di evitare ulteriore pregiudizio in capo al ricorrente, debba essere valutato, una volta intervenuta l’associazione del punteggio da questi conseguito, sia nella graduatoria dell’anno accademico 2009-2010 (in tal caso procedendo, ove vi sia un risultato sufficiente per conseguire una posizione utile, alla iscrizione retroattiva in soprannumero, al fine di non pregiudicare altri incolpevoli concorrenti già regolarmente iscritti), sia, in mancanza di raggiungimento di un esito favorevole, in quella relativa al prossimo anno accademico”.

La redazione

 


Urbanistica e Edilizia

Costruzioni in aeree vincolate perchè nelle adiacenze di demanio. Il C.G.A. mostra di aderire al recente orientamento delle Sezioni unite civili della Corte di cassazione che, “con pronunce recentissime (ordinanza 8 aprile 2009, n. 8509 e sentenza 17 aprile 2009, n. 9149)”, hanno statuito che spetta alla cognizione del Tribunale superiore delle acque pubbliche “il ricorso avverso il diniego di rilascio della concessione per la costruzione di un fabbricato sito nelle adiacenze del fiume …, in area da considerare vincolata”.

Clicca qui per scaricare la decisione del C.G.A. 26 maggio 2010, n. 740.

Numero chiuso. Ammissione Medicina a.a. 2007/2008

Secondo il C.G.A. (dec. n. 756/10) è illegittima l’esclusione dal novero dei vincitori del candidato alle prove di ammissione per Medicina svoltesi nell’anno accademico 2007/2008 che abbia risposto alla domanda n. 71, poi annullata, in maniera conforme all’iniziale indicazione del M.I.U.R.

Lo stesso C.G.A., inoltre, in altra decisione depositata in pari data, sono infondate  o, in alcuni casi eccessivamente generiche “da non fornire al Collegio alcun elemento che possa consentirne una corretta valutazione”, le censure spiegate avverso i quesiti nn. 5 (“I Saggi”), 14 (“Unita nella diversità”), 32 (“Sinn Fèin”), 34, 39, 40 (“tre basi UCG”), 52 e 79.

Clicca qui per scaricare la decisione del C.G.A. 26 maggio 2010, n. 756.

Clicca qui per scaricare la decisione del C.G.A. 26 maggio 2010, n. 736.

Portorosa – Proprietà del porto.

Inammissibile il ricorso proposto, tra gli altri, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dalla Presidenza della Regione Siciliana avverso la decisione del C.G.A. con la quale era stato dichiarata, tra l’altro, la titolarità in capo alla Curatela fallimentare Bazia Gardens del porticciolo c.d. di “Portorosa” (Messina).

Clicca qui per scaricare la sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione 20 maggio 2010, n. 12340.

Clicca qui per scaricare la decisione del C.G.A. 5 maggio 2009, n. 346.

Ammissione al corso di Laurea in Medicina.

Numero chiuso a Medicina anno accademico 2009/2010. Ridefinizione dei posti ex D.M. 5 novembre 2009. In conformità a quanto sostenuto sin dalla pubblicazione del D.M. 5 novembre 2009 dagli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti in tutti i giudizi incardinati innanzi ai T.A.R. Catania, Palermo, Catanzaro, Napoli  e Ancona, secondo il T.A.R. Puglia, Lecce “non appare giustificato, sia in relazione alle capacità ricettive della Università di (…), sia in relazione alle necessità del sistema sanitario nazionale, il mancato aumento dell’offerta formativa per il corso di laurea in medicina e chirurgia per l’a.a. 2009/10” (Sez. I, ord. 14 aprile 2010, n. 229).

Clicca qui per scaricare l’ordinanza del T.A.R. Lecce.

Ricorsi elettorali. Esclusione lista.

Procedimento Elettorale. Il T.A.R. Catania mostra di aderire all’orientamento espresso dall’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, 24 novembre 2005, n. 10, affermando che nel procedimento elettorale l’unico atto che ha valore provvedimentale e, come tale, è impugnabile è quello che provvede alla proclamazione degli eletti, con il quale si determina definitivamente la lesione dei soggetti interessati (Sez. II, decreto 13 maggio 2010, n. 591, est. Salamone; contra T.A.R. Calabria Reggio Calabria, 22 novembre 2007, n. 1171, pres. Passanisi, rel. Criscenti).

Fattispecie riguardante l’esclusione della lista della DC dalle consultazioni amministrative del 30-31 maggio del Comune di Milazzo (Me) per presunta confondibilità del contrassegno con quello dell’Unione dei Democratici Cristiani (UDC).

Clicca qui per scaricare il decreto del T.A.R. Catania.

Clicca qui per scaricare la decisione dell’Adunanza Plenaria.

Clicca qui per scaricare la sentenza del T.A.R. Calabria Reggio Calabria.

 

Studio Legale Avvocato Santi Delia