Tag Archives: medicina

Consiglio di Stato: attuale numero chiuso per l’accesso a Medicina “frustra le aspettative dei candidati”. Serve cambiamento.

Atenei ed il Ministero dovranno, d’ora in poi, fornire sempre adeguata contezza sui numeri dei posti messi a concorso nelle prove d’ammissione a ciascun corso di laurea magistrale a c.u. ad accesso programmato”. Il Consiglio di Stato ha definitivamente annullato la procedura di programmazione ministeriale sui posti per l’accesso a

Scuole specializzazione: Ministero riaccredita le scuole di Pediatria, Ginecologia e MFR dell’Università Magna Graecia di Catanzaro.

«Dopo l’aumento dei posti disponibili per il corso di laurea in Medicina e Chirurgia e per le Professioni Sanitarie, con particolare riguardo al corso di laurea in infermieristica, l’offerta in ambito medico dell’Ateneo di Catanzaro, si potenzia con il recupero  delle scuole di specializzazione in Malattie dell’apparato respiratorio, Malattie dell’apparato

Cambia la storia del concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione in Medicina: “nella normativa vigente non si ravvisa alcun divieto specifico d’assegnare borse non “intonse”

Il Consiglio di Stato, con l’ordinanza n. 4693 del 2020 (e con altre innumerevoli ordinanze rese su identica fattispecie) ha accolto i ricorsi degli Avv.ti Santi Delia e Michele Bonetti, dando vita ad un importante precedente che, non soltanto consentirà a tanti giovani medici la possibilità di immatricolarsi presso le

TEST DI MEDICINA: ARRIVA LA VITTORIA DECISIVA AL CONSIGLIO DI STATO. I 1660 POSTI NON BANDITI VANNO AI SOLI RICORRENTI.

Ancora una volta il Consiglio di Stato, con i provvedimenti dell’11 ottobre 2019, ha condiviso le argomentazioni difensive degli Avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, affermando in maniera netta che solo ed esclusivamente i soggetti che hanno impugnato le determinazioni ministeriali sul concorso relativo al mancato accesso ai corsi di

Procedure mobilità ospedaliera: il Tribunale di Perugia accoglie il ricorso. Si al colloquio di idoneità ma solo se la Commissione predispone preventivamente i criteri di valutazione

Importantissimo provvedimento del Tribunale di Perugia, in Sezione collegiale lavoro, che ha accolto il ricorso presentato dall’Avv. Santi Delia sul tema della mobilità in ambito ospedaliero e ha permesso il riesame della valutazione di una candidata che era stata illegittimamente esclusa. Nel caso in questione, la ricorrente poteva vantare una